Morte Michael Jackson: nuove accuse per il medico

1' di lettura

Conrad Murray avrebbe ritardato di fare il massaggio cardiaco alla pop star e avrebbe tentato di nascondere alcuni farmaci prima che nella villa arrivassero i soccorsi. E' quanto si sostiene in alcuni documenti citati dall'Associated Press

Ciao Jacko: l'album fotografico

Il medico personale di Michael Jackson, Conrad Murray, il giorno in cui il cantante morì, il 25 giugno dello scorso anno, ritardò a fargli il massaggio cardiaco e cercò di nascondere una serie di farmaci prima che nella villa di Los Angeles arrivassero i soccorsi.
E' quanto si sostiene in alcuni documenti citati dall'agenzia americana Associated Press e ripresi con evidenza dal New York Times, che sul suo sito pubblica le ultime indiscrezioni dell'inchiesta riguardante la morte della pop star.

Secondo il quotidiano, queste accuse nei confronti del medico saranno al centro del caso giudiziario che i procuratori si accingono ad aprire nei confronti di Murray, accusandolo formalmente di omicidio colposo. L'accusa si basa sulla versione dei fatti fornita agli investigatori da Alberto Alvarez, il direttore della logistica di Michael Jackson. Le dichiarazioni - di cui la AP è entrata in possesso - rese da lui e da altri due dipendenti gettano nuova luce sulle concitate ultime ore della vita di Jackson.

Alvarez ha detto agli investigatori di essersi precipitato nella stanza del cantante e di averlo trovato coricato sul letto, con gli occhi sbarrati, la bocca spalancata, senza alcun segno di vita. Il dottor Murray si adoperò disperatamente per rianimarlo, praticandogli anche la respirazione bocca a bocca. Due dei figli di Jackson, Prince e Paris, entrarono nella stanza e si misero a piangere vedendo il medico che cercava di rianimare il padre. Venne chiamata una nanny per portarli via. I documenti riferiscono anche di uno strano scontro avuto da Murray in ospedale dopo che Jackson fu dichiarato morto. Il medico ribadì con insistenza che doveva rientrare nella villa per prendere una certa crema di Jackson "in modo tale che nessuno sappia niente della sua esistenza".

Il New York Times precisa che l'avvocato di Murray, Ed Chernoff, ha respinto categoricamente le accuse, escludendo che il suo cliente possa essersi adoperato per nascondere farmaci e definendo "inconsistenti" le dichiarazioni rilasciate da Alvarez. Il legale ha riferito che Alvarez è stato interrogato due volte dalla polizia e ha fornito versioni diverse su quanto avvenuto nella camera da letto del cantante. "Nella prima versione non ha fatto menzione alcuna a farmaci. Poi, all'improvviso, due mesi dopo ci ritroviamo con il dottore che nasconde bottigliette in una borsa" ha detto.

Il coroner di Los Angeles dopo l'esame necroscopico condotto sul corpo di Jackson aveva indicato la causa della morte in un'overdose causata da un potente anestetico, il'propofol', e da due altri sedativi usati per combattere l'insonnia. Il 'propofol' - precisa il New York Times - dovrebbe essere somministrato solo nel corso di anestesie eseguite da medici specialisti, perche' il farmaco rallenta il battito cardiaco e abbassa la pressione del sangue ad un punto tale da poter causare complicazioni mortali.


Guarda anche
:
Il medico di Jacko: non sono colpevole
Le foto di Conrad Murray al processo
Jacko, confessioni intime del re del pop: anticipazioni del libro

Leggi tutto