Amelia, la femminista volante

1' di lettura

L'originale regista Mira Nair, capace di passare con fluidità da Hollywood al cinema indipendente, si cimenta con il genere autobiografico, portando sul grande schermo la vita di un'eroina americana: Amelia Earhart

Intenso e romantico il film su Amelia Earhart, eroina dell'epoca roosveltiana, coraggiosa aviatrice e femminista ante litteram, meteora luminosa sparita misteriosamente nel 1937 durante un viaggio in solitaria intorno al mondo. Rivive sul grande schermo grazie a Hilary Swank - anche produttrice - che presta il suo volto spigoloso e il fisico androgino, con un'immedesimazione totale. Mira Nair sceglie di raccontarne gli amori, più che le mirabolanti gesta, dirigendo un film che piacerà molto al pubblico femminile, come lei indeciso tra le rassicuranti braccia del marito, Richard Gere

Leggi tutto
Prossimo articolo