Arte e moda protgoniste delle passerelle milanesi

1' di lettura

Dai capi-sculture di Iceberg alla collezione di Antonio Marras, ispirata a Picasso. Dalle atmosfere anni '80 di Gucci all'aggressività della donna Cavalli. Un antidoto contro la crisi

Dai capi-sculture di Iceberg, con disegni geometrici che si rifanno al futurismo, alla collezione di Antonio Marras, ispirata a Picasso nelle fasi rosa, rossa, nera. Le passerelle milanesi si rifanno all'arte e si danno, come parola d'ordine, non "innovazione" ma "trasformazione". Dalle atmosfere spensierate anni '80 di Gucci all'aggressività della donna Cavalli, che lo stilista vive come l'unico possibile antidoto alla crisi.

Leggi tutto
Prossimo articolo