Lo spazio: ecco l'ultima frontiera della Mannequin Challenge

Un fotogramma della Mannequin Challenge spaziale (fonte, account Twitter di Thomas Pesquet)
1' di lettura

L'astronauta francese Thomas Pesquet e l'equipaggio della missione Proxima, immobili a gravità zero, inviano un tweet sulla Terra

La Mannequin Challenge, una moda virale che ha già conquistato migliaia di persone, ha superato i limiti terrestri ed è arrivata nello spazio. Sfida accettata, e vinta da parte dei membri della missione Proxima guidata dall'astronauta francese Thomas Pesquet dell'agenzia Spaziale Europea (Esa).

 

La sfida – Nel video di 24 secondi postato dallo stesso Pesquet su Twitter si vedono cinque dei sei membri della missione che stanno immobili in pose da supereroi o con i piedi ancorati alle pareti, altri infine bloccati alle loro postazioni mentre lavorano alle apparechiature di bordo. Le immagini della telecamera che li riprende sono rese più caratteristiche ed emozionanti dalla gravità zero. L'unica mancanza è quella del brano Black Beatles dei Rae Sremmurd, il classico sottofondo musicale della Mannequin Challenge. “Tutto l'equipaggio si è messo in posa per offrirvi l'unica Mannequin Challenge spaziale e nello stesso tempo una visita alla Stazione Spaziale", ha scritto Pesquet su Twitter. Il video, che in poche ore ha fatto il giro del mondo, ha ottenuto già migliaia di retweet.



 

L'equipaggio di Proxima – Pesquiet è a bordo della Stazione Spaziale dal 20 novembre 2016 per affrontare la sua missione di sei mesi. Con lui ci sono gli americani Peggy Whitson, che nel video postato su Twitter è stata immortalata nell'atto di scattare delle foto, Shane Kimbrough, e i russi Oleg Novitsky, Andrei Borisenko e Sergei Ryzhikov.

Leggi tutto