Alzheimer, bevanda ricca di nutrienti rallenterebbe il declino mentale

Il declino cognitivo colpisce in particolare gli anziani (Getty Images)
2' di lettura

A questa conclusione sono giunti gli autori di una ricerca europea condotta per due anni su oltre 300 pazienti. Lo studio è stato pubblicato dalla rivista “The Lancet Neurology”

Una bevanda costituita da un mix di sostanze nutritive, tra cui gli omega-3, se assunta ogni giorno potrebbe frenare il declino mentale nei malati di Alzheimer. A rivelarlo è un nuovo studio europeo pubblicato su “The Lancet Neurology”.

Lo studio

La sperimentazione è stata condotta su 311 pazienti affetti da Alzheimer in fase precoce e con un accertato lieve declino cognitivo: una parte di loro per 24 mesi ha bevuto un drink nutrizionale, mentre l'altra una semplice bevanda placebo. Lo studio si inserisce nell'ambito del “LipiDiDiet project”, iniziativa europea che punta a implementare le attuali cure contro la malattia degenerativa studiando in particolare l'impatto dei lipidi sulle performance cognitive. Un approccio che parte dall'assunto - già dimostrato in passato - che i grassi abbiano un effetto sul rischio di demenza senile.

La bevanda

La composizione di questo drink benefico, denominato Fortasyn Connect e che secondo lo studio rallenterebbe l'inesorabile decorso della malattia, prevede oltre ai grassi omega-3, vitamine del gruppo B, antiossidanti e altri elementi. “L''intervento nutrizionale - ha spiegato Hilkka Soininen, dell'Università della Finlandia orientale, che ha condotto la ricerca - può aiutare a conservare tessuto cerebrale, memoria e capacità dei pazienti di cimentarsi in attività quotidiane, che sono considerati gli aspetti più significativi della demenza".

I risultati

Le capacità dei pazienti sono state misurate con la scala “Clinical Dementia Rating-Sum of Box” (o CDR-SB), che valuta le capacità di svolgere le azioni di tutti i giorni, ed è emerso che chi per due anni ha ingerito ogni giorno la bevanda presentava una ridotta atrofia cerebrale rispetto a chi ha ingerito il drink placebo. In particolare, vi era una differenza media del 26% del volume dell'ippocampo, che di fatto è il centro nevralgico della memoria. Inoltre, chi ha assunto Fortasyn Connect ha anche conservato migliori capacità mnemoniche e di gestione delle attività quotidiane.

Effetti benefici

“Sebbene non sia una cura per l'Alzheimer - ha sottolineato il coordinatore del progetto “LipiDiDiet”, Tobias Hartmann - l'intervento nutrizionale si è dimostrato efficace per rallentare il processo neurodegenerativo e, prima lo si intraprende, maggiore è l'effetto per il paziente”. La riduzione dell'atrofia cerebrale, in particolare, “dimostra che gli effetti della bevanda vanno ben oltre la diminuzione dei sintomi, un traguardo finora mai raggiunto”.

Leggi tutto
Prossimo articolo