Ansia cronica: forse è colpa dello stress prolungato

Lo stress è una risposta dell'organismo a situazioni esterne percepite come minacce (Getty Images)
1' di lettura

Il sistema immunitario dei soggetti stressati provoca cambiamenti nei loro comportamenti successivi

L’insorgere dell’ansia cronica potrebbe essere legato alle situazioni di stress vissute da una persona nel corso della sua vita: uno studio dell’Università dell’Ohio spiega come sia il sistema immunitario a “ricordarsi” dello stress subito e a inviare messaggi al cervello, modificando il comportamento futuro del soggetto.

Il ruolo della milza - Secondo gli studiosi è cruciale il ruolo della milza in un processo che riguarda le persone sottoposte a situazioni di stress prolungato. Lo stress è infatti una risposta dell’organismo a condizioni esterne percepite come minacciose: non ha effetti negativi di per sé, ma solo quando diventa una condizione abituale. In questi casi, tra le altre conseguenze, c’è un aumento della produzione dei globuli bianchi: il sistema immunitario irrobustisce le sue difese come contromisura al pericolo imminente. I globuli bianchi si accumulano nella milza e quando raggiungono una concentrazione elevata, l’organo invia messaggi al cervello, contribuendo a modificarne il comportamento e favorendo l’insorgere dell’ansia cronica.

Lo studio dell’Università dell’Ohio -
“È come se il corpo mantenesse una memoria dello stress”, afferma il ricercatore Jonathan Godbout. Lo studio, presentato domenica 13 novembre al meeting internazionale Neuroscience 2016 di San Diego, è stato condotto sui topi. Gli esemplari sottoposti a situazioni stressanti (fonti di pericolo costanti o ripetute sconfitte sociali) hanno fatto registrare un aumento dei globuli bianchi nel sangue e comportamenti tipici dell’ansia anche quando le fonti dello stress sono state eliminate. La novità a livello medico è che le nuove terapie che combattono l’ansia e i disturbi comportamentali potranno concentrarsi anche sul sistema immunitario.

Gli effetti della cannabis - Un’altra scoperta degli esperimenti sui topi riguarda gli effetti delle droghe leggere sui disturbi da stress. Uno studio della ricercatrice Sabrina Lisboa ha evidenziato come la cannabis e altre sostanze psicotrope simili possono calmare l’ansia negli esemplari sottoposti a stress. I risultati dello studio potrebbero avere implicazioni nell’uso terapeutico della marijuana nei trattamenti post-traumatici da stress.

Leggi tutto