La dieta? Non è solo questione di calorie. Passa anche per gli ormoni

Dimagrire riequilibrando gli ormoni (Getty Images)
1' di lettura

Secondo Sara Gottfried, medico ed esperta di equilibrio ormonale, si può risvegliare il metabolismo in 3 settimane e perdere così 7 chili

Rimettersi in forma dipende da molti fattori, principalmente da ciò che si mette nel piatto, da quanta attività fisica si fa, ma anche dal metabolismo: su quest'ultimo fattore si concentra la ricerca di Sara Gottfried, ginecologa ed esperta di equilibrio ormonale, nonché autrice del libro "La dieta dei 7 ormoni", pubblicato in Italia da Sperling & Kupfer.

 

La tesi di Gottfried - La lotta al sovrappeso non è solo una questione di calorie. Secondo Gottfried un ruolo importante lo giocherebbero anche sette ormoni: gli estrogeni, l'insulina, la leptina, il cortisolo, l'ormone tiroideo, l'ormone della crescita (Gh) e il testosterone. Questi elementi gestiscono la quantità di grasso che il corpo è portato ad immagazzinare. Attacchi di fame, voglia di zuccheri e la salute della flora intestinale: sono tutti fattori condizionati da questi ormoni. Se il corpo non produce la quantità giusta di queste sostanze, il metabolismo rallenta fino a bloccarsi con il conseguente accumulo di grasso.

 

Nuovo equilibrio in 21 giorni - La promessa di Gottfried è semplice: scegliendo i cibi giusti ed eliminando gli alimenti che bloccano il metabolismo, diventerebbe possibile riequilibrarsi in soli 21 giorni. È sufficiente bandire per tre giorni, a turno, le sostanze che interagiscono con i sette ormoni.

 

Le 7 tappe per riequilibrare gli ormoni - Dal primo al terzo giorno, è necessario eliminare la carne per azzerare la presenza di estrogeni. Dal quarto al sesto giorno, si passa a eliminare gli zuccheri: via bevande zuccherate e cibi ricchi di glucosio. Sì a proteine sane, come quelle di legumi, pesce e pollo. Dal settimo al nono giorno, via la frutta per riequilibrare l'ormone della fame, la leptina: per farlo, bisognerà cominciare la giornata mangiando proteine. Via libera a uova e pollo al mattino. Dal decimo al dodicesimo giorno è il turno della caffeina: eliminandola, si abbasseranno i livelli di cortisolo, ormone chiave per l'accumulo di grasso. Dal tredicesimo al quindicesimo giorno, vanno eliminati i cereali (pasta compresa): così si riattiveranno gli ormoni tiroidei, regolando anche insulina e leptina. Dal sedicesimo al diciottesimo giorno via i prodotti casearei, da sostituire con fibre, verdura fresca e latte di origine vegetale. Gli ultimi giorni sono dedicati al riequilibrio del testosterone: per farlo, iniziare la giornata bevendo una tazza di acqua calda e limone. La chiave è infatti il consumo di alimenti alcalinizzanti.

Leggi tutto