Sale sul tetto della Scala ed espone striscioni "No referendum": FOTO

Sugli striscioni le scritte “Giustizia italiana uguale abuso di potere”, “Referendum categorico no” e “Libertà e democrazia”. Dopo sette ore di trattativa, un carabiniere ha approfittato di un momento di distrazione dell'uomo e lo ha afferrato riportandolo all'interno del terrazzo

  • E' stato bloccato attorno alle 15 Martin Advinski, l'uomo di 50 anni di origini bulgare che questa mattina è salito sul tetto del teatro alla Scala di Milano. Dopo 7 ore di trattative, i negoziatori dei carabinieri, con l'aiuto dei vigili del fuoco, hanno afferrato il 50enne interrompendo così la sua protesta – Lo speciale referendum
  • 8 ottobre 2016 - L'uomo è salito sul tetto del Teatro per esporre sulle balaustre degli striscioni di protesta - Lo speciale referendum
  • Sugli striscioni ci sono le scritte 'Presidente Berlusconi aveva visto giusto', 'Giustizia italiana uguale abuso di potere', ' Referendum categorico no' e 'Libertà' e democrazia Lo speciale referendum
  • L’uomo sarebbe passato da un ponteggio limitrofo al teatro durante la notte e questa mattina avrebbe personalmente chiamato la polizia per avvisare del suo gesto Lo speciale referendum
  • ©Fotogramma
    Sul posto sono arrivati numerosi mezzi dei vigili del fuoco, che hanno disposto un gonfiabile anti caduta all'angolo della piazza con via Verdi - Lo speciale referendum
  • ©Fotogramma
    L'uomo che è salito sul tetto del teatro alla Scala, a Milano, si chiama Martin Advinski, ha 50 anni ed è di origini bulgare. Nel settembre 2015 è stato protagonista di un'altra protesta – Lo speciale referendum
  • In quell'occasione Martin Advinski era salito sul tetto di una chiesa sconsacrata nel centro di Mantova per protestare contro la giustizia in Italia e dopo nove ore aveva accettato spontaneamente di scendere – Lo speciale referendum
  • ©Fotogramma
    Il gesto di protesta oggi a Milano - Lo speciale referendum
  • ©Fotogramma
    Il gesto di protesta oggi a Milano - Lo speciale referendum
  • ©Fotogramma
    Anche uno dei tre striscioni che oggi Advinski ha esposto sul teatro fa riferimento allo stesso tema. 'Giustizia italiana - c'è infatti scritto - uguale abuso di potere'. Su un altro si sostiene il No al referendum costituzionale e sul terzo è scritto 'Berlusconi presidente aveva visto giusto' - Lo speciale referendum