Comunali 2016, i diciassette candidati sindaco di Torino. FOTO - VIDEO

Il 5 giugno i torinesi scelgono il nuovo primo cittadino. In corsa ci sono l'uscente Piero Fassino (centrosinistra), Chiara Appendino (M5S), Osvaldo Napoli (centrodestra) e altre quattordici persone. FOTO E VIDEO

  • Piero Fassino, Chiara Appendino, Osvaldo Napoli, Mario Cornelio Levi, Alberto Morano, Marco Racca, Roberto Rosso, Marco Rizzo, Giorgio Airaudo, Gianluca Noccetti, Anna Battista, Pier Carlo Devoti, Vitantonio Colucci, Roberto Salerno, Guglielmo Del Pero, Roberto Usseglio, Lorenzo Varaldo: sono le 17 persone in corsa per diventare sindaco di Torino – Elezioni 2016, lo speciale
  • ©ANSA
    Il centrosinistra candida Piero Fassino, sostenuto da quattro liste (tra cui il Pd). Nato ad Avigliana nel 1949, è stato ministro del Commercio e ministro di Grazia e giustizia. Ex segretario nazionale dei Democratici di sinistra, dal 2011 è sindaco di Torino (nel 2013 è stato nominato presidente dell'Anci). Lavoro, sviluppo e giovani sono i primi punti del suo programma – Il suo programma
  • ©ANSA
    Il Movimento 5 Stelle candida Chiara Appendino. Nata a Moncalieri, ha 31 anni, è laureata in Economia internazionale e management ed è responsabile del controllo di gestione dell’azienda di famiglia. Fa parte del M5S dal 2010. Consigliere uscente, i primi punti del suo programma sono urbanistica, riorganizzazione della macchina comunale e riconoscimento dei diritti Lgbt – Il suo programma
  • ©ANSA
    Osvaldo Napoli è il candidato di centrodestra. Lo sostengono tre liste, tra cui Forza Italia. Nato a Torino nel 1944, ex dirigente d'azienda nel settore alimentare, dopo la militanza nella Dc aderisce a Fi. Viene eletto deputato dal 2001 al 2013. È sindaco di Valgioie dal 2009. Nel suo programma ci sono sicurezza, decoro e rilancio delle periferie – Il suo sito
  • Mario Cornelio Levi è l’aspirante sindaco dell’Italia dei valori. Classe 1944, laureato in Ingegneria, ex dipendente Telecom, fa parte dell’Idv dal 2001. Presidente uscente della Circoscrizione 8, mette ai primi punti del suo programma legalità e questione morale, sicurezza e lavoro (foto da Facebook) – Il suo programma
  • ©ANSA
    Alberto Morano è sostenuto da tre liste, tra le quali Lega Nord e Fratelli d’Italia. Nato a Torino nel 1958, laureato in Giurisprudenza, è notaio. La persona al centro dell’attività amministrativa, sicurezza e cura della città, risanamento del bilancio sono i primi punti del suo programma – Il suo programma
  • Marco Racca è il candidato di CasaPound. Classe 1983, è il responsabile regionale del partito fin dalla sua fondazione. Prima casa non tassabile, priorità agli italiani e pubblica amministrazione efficiente e trasparente sono i primi punti del suo programma (foto dalla pagina Facebook) – Il suo programma
  • ©ANSA
    Cinque liste, tra cui l’Udc, sostengono Roberto Rosso. Classe 1960, avvocato civilista, ha militato nella Dc e in Forza Italia. Ex deputato, ex vicepresidente del Piemonte, nel 2001 si candida a sindaco di Torino e perde al ballottaggio contro Sergio Chiamparino. Nel suo programma si parla di sicurezza, precedenza ai torinesi, mobilità – Il suo programma
  • ©ANSA
    Marco Rizzo è il candidato del Partito Comunista. Nato nel 1959, laureato in Scienze politiche, si è iscritto al Pci a 21 anni. Deputato di Rifondazione comunista dal 1994 al 2004, è stato eletto anche al Parlamento europeo. Non accettare il patto di stabilità, lavoro, e no alle privatizzazioni sono alcuni dei punti del suo programma – La sua pagina Facebook
  • ©ANSA
    Giorgio Airaudo è sostenuto da tre liste: “Torino in Comune”, "Ambiente Torino" e "Pensionati e invalidi. Giovani insieme". Nato nel 1960, perito elettrotecnico, è stato sindacalista della Fiom. Deputato di Sel dal 2013, i primi punti del suo programma riguardano il debito della città, la vivibilità e il lavoro – Il suo programma
  • Cinque liste sostengono Gianluca Noccetti: M.I.D.A, Lista 4 Zampe, Disoccupati Precari Esodati, Lega Padana, Forza Toro. Classe 1973, agente di assicurazioni, è lo storico braccio destro del mago delle liste civetta Renzo Rabellino Foto dalla sua pagina Facebook
  • La lista “Basta!” sostiene Anna Battista. Ha 34 anni ed è laureata in Economia e commercio. Rilancio dell’economia, riduzione degli sprechi pubblici e sicurezza sono i primi tre punti del suo programma (foto da Facebook) – Il suo programma
  • Pier Carlo Devoti è sostenuto da “La piazza”, lista civica ideata nel 2011 “dall’iniziativa di persone attive sul territorio in associazioni, volontariato e cooperazione”. Nato nel 1951, laureato in Scienze dell’informazione, è consulente in area sicurezza delle reti informatiche. Casa, inclusione sociale e internazionalizzazione di Torino sono alcuni punti del suo programma (foto da Facebook) – Il suo programma
  • Il popolo della famiglia, movimento nato dal Family day e guidato da Mario Adinolfi, candida Vitantonio Colucci. Originario di Martina Franca, in Puglia, ha dichiarato: “La vecchia politica è ormai alla frutta. Noi difendiamo la famiglia, l’unico vero voto utile è quello dato a noi” – Foto dalla sua pagina Facebook
  • Roberto Salerno è l’aspirante sindaco della lista "MSI -Destra Nazionale". Classe 1954, laureato in Economia e commercio, tributarista, presidente del Torino Calcio femminile, è stato deputato e senatore di Alleanza nazionale. Se fosse eletto, ha detto, per prima cosa bloccherebbe il pignoramento di auto e prima casa – Foto dalla sua pagina Facebook
  • “Siamo Torino” è la lista civica che sostiene Guglielmo Del Pero. Laureato in Economia e commercio, 38 anni, è consulente aziendale con specializzazione nel settore no-profit. Ha lavorato per Eni e Ferrero. È stato coordinatore regionale di "FARE per Fermare il Declino". Sicurezza, trasparenza delle spese e conti in ordine sono alcuni dei punti del suo programma (foto da Facebook) – Il suo sito
  • Forza Nuova candida Roberto Usseglio. Già segretario provinciale del gruppo, ha 61 anni ed è un tecnico informatico in pensione. Il suo programma, spiega, prevede taglio delle spese della politica e snellimento della burocrazia, abolizione delle strisce blu, incentivi per industriali e imprenditori che assumono personale italiano, blocco dell'immigrazione – Foto dalla sua pagina Facebook
  • Lorenzo Varaldo è il candidato sindaco di “Abrogazione”. Dirigente scolastico, aveva provato la scalata al Comune anche nel 2006 e nel 2011. “La prima cosa da fare – ha detto – ritengo sia occuparsi della questione lavoro, difendere i servizi pubblici e ritornare al servizio pubblico laddove sia stato privatizzato“ – Frame da YouTube