FI-Lega, prove di dialogo. Toti e Gelmini firmano referendum

Il consigliere politico di Berlusconi e la vice capogruppo alla Camera sottoscrivono alcuni quesiti proposti dal Carroccio. Toti: un primo passo, sono alleati del futuro. Salvini: spero sia buon inizio. Poi tutti a pranzo col leader di Forza Italia. FOTO
  • Giovanni Toti e Mariastella Gelmini hanno dato il loro appoggio alla mobilitazione referendaria della Lega Nord. In piazza della Scala a Milano, di fronte al Comune, hanno firmato alcuni dei 6 quesiti proposti dal Carroccio – Prove di intesa Lega-Forza Italia
  • Per il consigliere politico di Silvio Berlusconi e la vice-capogruppo alla Camera di Forza Italia è stata anche l’occasione per far ripartire il dialogo con la Lega Nord. Al momento della firma c’era anche il segretario Matteo Salvini – Tensione in Forza Italia, Berlusconi: basta liti
  • “Ci sembra un ottimo approccio per il dialogo con gli alleati del futuro”, ha detto Toti. La “costruzione di un nuovo centrodestra parte dal confronto sui temi concreti”, ha aggiunto - Tutte le notizie sulla Lega Nord
  • La firma della petizione leghista, secondo Toti, è stata “un primo passo, ma poi si proseguirà” per cercare di riunire “tutti i partiti che si riconoscono nel centrodestra, la Lega per prima e poi anche Fratelli d'Italia e Ncd” - Alfano apre a Forza Italia
  • Forza Italia sostiene la proposta di referendum per l'abrogazione della legge Fornero sulle pensioni e quella per la reintroduzione del reato di immigrazione clandestina - Tutte le notizie su Forza Italia
  • Gli altri quesiti riguardano l'abrogazione della legge Merlin sulla prostituzione, abrogazione della legge Mancino sui reati di opinione, soppressione delle prefetture, cancellazione della possibilità per gli stranieri di accedere a concorsi pubblici - Salvini tra i più votati alle Europee
  • Toti, Gelmini e Salvini, dopo la firma, hanno pranzato insieme a Silvio Berlusconi a Casa Milan, la nuova sede del club rossonero - Salvini vede Le Pen
  • "Niente politica, abbiamo parlato tanto di calcio. A Berlusconi ho chiesto un Milan sempre più italiano e sempre più giovane, questo potrebbe essere un punto di incontro fra Lega e centrodestra per il futuro”, ha detto Salvini - Europee, la Lega al 6%
  • "Se il centrodestra vuole fare il centrodestra la Lega c’è”, ha aggiunto Salvini. E sulla firma dei referendum: “Spero sia un buon inizio. La Lega dialoga se ci sono progetti comuni, alternativi alla sinistra delle tasse e delle promesse a vuoto di Renzi” - Lega, da Bossi all'ascesa di Salvini