Renzi, dalla rottamazione alla sconfitta alle primarie

La corsa del sindaco di Firenze per la leadership del centrosinistra è finita al ballottaggio. Dopo aver battuto al primo turno Vendola, Tabacci e Puppato, l'enfant prodige del Pd ha perso contro il segretario del partito, Pier Luigi Bersani. FOTOSTORIA
  • La corsa di Matteo Renzi per la leadership del centrosinistra si è fermata al ballottaggio - Il discorso dopo la sconfitta: "Ha vinto Bersani, ho sbagliato"
  • Il sindaco di Firenze è arrivato al ballottaggio con Bersani dopo aver sconfitto al primo turno Vendola, Tabacci e Puppato - Primarie, la vittoria di Pier Luigi Bersani. FOTO
  • "Annuncio ufficialmente la mia e la nostra candidatura a guidare l'Italia per i prossimi cinque anni". Così Matteo Renzi, sindaco di Firenze, aveva lanciato la sua sfida alle primarie del centrosinistra - Pd, la sfida di Renzi: "Mi candido a guidare l'Italia"
  • Il discorso di Renzi aveva fatto scalpore soprattutto per l'apertura al centrodestra: "Non ho paura di chiedere i loro voti. I delusi del Pdl mi votino". Dal camper di Renzi al tir di Fini: i politici on the road
  • "Mi dicono di ringraziare Bersani - aveva detto Renzi - ma le primarie non sono una concessione. Se si perde si fa quello che fanno le persone serie: non ci si inventa l'ennesima formazioncina politica di serie Z, si dà una mano a chi ha vinto". Renzi fa il suo Big Bang, tensione con Bersani
  • Renzi si è proposto come il rottamatore del partito. I rapporti con Bersani precipitano nell'ottobre 2011, quando in un comizio alla Leopolda afferma: "Non sono il guastafeste del Pd. Dico no ai burocrati. Manteniamo il partito ma cambiamo le facce". Pd: Renzi versus Bersani
  • In quell'occasione Bersani ammonì: "I giovani non devono scalciare". Renzi replicò: "Non so a chi si riferisca Bersani, io non sono un asino e non scalcio". Pd, Renzi: "Non siamo ragazzini". Bersani: "Idee vecchie"
  • Matteo Renzi è considerato un enfant prodige della politica. A 29 anni era Presidente della Provincia. A 34 si è candidato sindaco a Firenze. "Un fiorentino sopporta tutto. L'importante è evitare accuratamente di passare da bischero", ha scritto Renzi. Matteo Renzi. Quando la vittoria si annuncia su Facebook
  • Per la poltrona di Palazzo Vecchio, stravinse le primarie del centrosinistra, poi andò al ballottaggio con Giovanni Galli del Pdl. Renzi disse: "A Firenze i candidati del Pd li hanno scelti le primarie, mentre nel centrodestra li ha scelti papi". Elezioni 2009, a Firenze Galli para Renzi
  • Nella sua autobiografia Renzi ha raccontato: "Un pezzo grosso del mio partito sentì la necessità di spiegarmelo in modo sbrigativo: "Ciccio, a me hanno insegnato che a trentaquattro anni si rispetta la fila". Pd: Renzi versus Bersani
  • Il rapporto di Renzi con i big del Pd è stato sempre molto teso: "Piaccio alla destra? Non è un delitto. Cari D'Alema, Veltroni, Rosy, Franco Marini, in questi anni avete fatto molto per il Paese, per l'Italia, ma adesso anche basta". Pd, da Bindi a D'Alema: tutti contro Renzi
  • Sindaco molto amato, Renzi ha trovato consensi anche nell'opposizione. Una volta Berlusconi gli disse: "Caro Renzi, ma come fa uno bravo come lei a stare con i comunisti?". L'Espresso: "Berlusconi vorrebbe Renzi premier"
  • Il sindaco di Firenze venne invitato ad Arcore dall'allora premier Berlusconi, suscitando molto scalpore nel Pd. "Abbiamo discusso delle questioni concrete che riguardano Firenze. Finchè il Governo è guidato da Berlusconi, io parlo con lui", disse Renzi. Renzi: "Col premier abbiamo parlato solo di Firenze"
  • Fece molto discutere anche una dichiarazione di Renzi in sostegno all'ad Fiat Sergio Marchionne sulla vicenda Mirafiori del gennaio 2011: "Sto con lui. Fiat fa un investimento sul futuro e per la prima volta non chiede soldi allo Stato e agli italiani". Primarie Pd, la sfida di Renzi: "Chiediamo la rottamazione"
  • Il sindaco ha un controverso rapporto con l'opposizione (nella foto Renzi con Gianni Letta): "È stato desolante vedere come nel Pdl si siano rimessi immediatamente in ordine, appena Berlusconi ha detto "scendo in campo io". Noi faremo l'opposto". Benigni stuzzica Renzi sulle primarie: “Ti candidi o no?”
  • "Di partiti ce ne sono anche troppi, qui servono facce nuove - detto Renzi. "Basta con questa idea che si litiga e poi si cambia il nome al partito. Beppe Grillo dice delle cose sacrosante e delle assolute idiozie", ha dichiarato in un'intervista. Renzi: "Piacere a chi è di centrodestra non è un delitto"