Tosi, Verona e la Lega: il sindaco che vuole vincere sempre

Fotoracconto del primo cittadino che si presenta alle comunali con una sua lista dopo un lungo braccio di ferro (vinto) con il Carroccio. E' solo l’ultimo esempio di una carriera in bilico tra partito e scelte indipendenti. Ma strizzando l’occhio a Maroni
  • Flavio Tosi, sindaco uscente di Verona e leghista della prima ora, ce l’ha fatta: è riuscito a incassare il sostegno del Carroccio dopo aver scelto di ricandidarsi con una lista nominale (foto dall'account ufficiale su Facebook) - Leggi tutte le notizie su Flavio Tosi
  • E’ il favorito delle comunali del 6 e 7 maggio, che contano nove candidati. I più forti sono Luigi Castelletti del centrodestra (suo principale rivale) e Michele Bertucco del centrosinistra - Amministrative 2012, tutte le notizie dello Speciale di SkyTg24
  • La sua scelta aveva fatto discutere. Ma dopo un braccio di ferro di qualche settimana, è riuscito a strappare l’appoggio della Lega malgrado il partito sia contrario alle liste nominali - Leggi tutte le notizie sulla Lega Nord
  • Lo scopo, per Tosi, è vincere al primo colpo. Dovrebbe riuscirci, proprio grazie alla sua scelta di correre da indipendente, ma sostenuto da sette liste (la Lega e sei civiche, di cui due con il suo nome) - Guarda tutte le foto delle amministrative 2012
  • La sua decisione, dopo un mandato da sindaco di Verona, aveva creato non pochi grattacapi alla Lega. Ma tant’è, anche se all’inizio pure il Sénatur era contrario, Tosi l’ha spuntata - L’album della Lega Nord: guarda tutte le foto
  • Determinante il sostegno di Roberto Maroni. Tosi è un suo fedelissimo: entrambi spingono per un rinnovo del partito - Leggi tutte le notizie su Roberto Maroni
  • Tosi, classe 1969, esordisce in politica nel 1994, a 25 anni, con la sua elezione nel Consiglio comunale di Verona. Da allora presiede anche il gruppo consiliare della Lega Nord - Leggi tutte le notizie su Verona
  • La sua carriera è passata dalle poltrone di segretario provinciale del partito, consigliere regionale, assessore regionale. E’ il sindaco di Verona dal 2007 - Leggi tutte le notizie su Umberto Bossi
  • Alcune sue decisioni sono state molto criticate. Appena eletto, aveva tolto il ritratto di Napolitano dall’ufficio perché, secondo lui, non rappresentativo della nazione. L’anno scorso, comunque, l’ha riappeso - Leggi tutte le notizie su Flavio Tosi
  • Polemiche anche sulla scelta di nominare il militante di estrema destra Andrea Miglioranzi come rappresentante del Comune per l’Istituto veronese per la resistenza. Miglioranzi si è dimesso, ma Tosi lo ha comunque difeso - Amministrative 2012, tutte le notizie dello Speciale di SkyTg24
  • Come ricordano i “santini elettorali”, ha puntato sulla pulizia della città. A 360°: con ordinanze anti-prostituzione, a favore dell’igiene pubblica e contro la consumazione di bevande alcoliche nei luoghi pubblici (foto da account ufficiale su Facebook) - Leggi tutte le notizie sulla Lega Nord
  • In materia di ordine pubblico, ha una posizione più morbida rispetto a quella di altri leghisti. Nello scatto, eccolo mentre manifesta contro gli omicidi di due senegalesi a Firenze, nel dicembre scorso - Guarda tutte le foto delle amministrative 2012
  • Ai suoi cittadini piace, e molto: secondo l’istituto di ricerca Datamonitor è al secondo posto (dopo il napoletano De Magistris) fra i sindaci italiani più amati, con un indice di gradimento del 66% (foto da account ufficiale su Facebook) - L’album della Lega Nord: guarda tutte le foto
  • Non è mai piaciuto molto invece al cosiddetto “Cerchio magico” di fedelissimi di Bossi. Al punto che, nel febbraio scorso, gli viene revocata la carica di vicepresidente del parlamento padano - Leggi tutte le notizie su Verona
  • Un segno degli screzi con Umberto Bossi, secondo gli analisti. Che durano da parecchio: già l’estate scorsa Tosi era stato “redarguito” dal Sénatur per la sua posizione critica verso la manovra e Berlusconi - Leggi tutte le notizie su Umberto Bossi
  • Ma Tosi ha dalla sua Maroni: è considerato infatti uno degli esponenti di spicco dei “Barbari sognanti” - Leggi tutte le notizie su Roberto Maroni
  • Tosi ha anche criticato Renzo Bossi all’indomani dello scandalo finanziario che l’ha coinvolto. Ma ha difeso il Sénatur dicendosi convinto che non ha “mai approfittato dei fondi del Movimento” - Inchiesta Belsito: leggi tutti gli aggiornamenti