Lombardia, Boni quarto indagato nell'ufficio di presidenza

Dei cinque membri originari, eletti nel 2010, quattro hanno ricevuto un avviso di garanzia. L’ultimo in ordine di tempo è il presidente del Consiglio regionale ed esponente della Lega, accusato di corruzione. Che replica: “Sono estraneo ai fatti”. FOTO
  • Da sinistra in piedi: Carlo Spreafico (nel cerchietto - unico dei 5 membri originari, eletti il 15 maggio 2010, a non aver ricevuto avvisi di garanzia), Massimo Ponzoni; seduti: Franco Nicoli Cristiani, Davide Boni e Filippo Penati - Sono i componenti dell'ufficio di presidenza del Consiglio regionale della Lombardia
  • I quattro componenti dell'ufficio di presidenza del Consiglio regionale della Lombardia indagati - Indagato Boni, presidente del Consiglio regionale
  • L'ultimo avviso di garanzia al Pirellone ha raggiunto il leghista Davide Boni, presidente del Consiglio regionale lombardo. E' accusato di corruzione (nella foto insieme al presidente della Regione, Roberto Formigoni) - Lega Nord: tutte le foto
  • I reati contestati a Boni (nella foto con Salvini) risalgono a quando era assessore all'urbanistica e riguarderebbero una serie di irregolarità nelle concessioni per aree edificabili e nella concessione di permessi relativi ad immobili e aree commerciali - Lega Nord: tutte le foto
  • "In relazione ai fatti oggi contestati anticipo sin d'ora la mia totale estraneità - ha riferito ai cronisti Boni, dopo che gli è stato notificato l'avviso di garanzia - confermo la mia piena disponibilità a chiarire la mia posizione" - Gli aggiornamenti
  • Il primo a lasciare l'incarico in Regione per motivi giudiziari è stato Filippo Penati (Pd), ex sindaco di Sesto San Giovanni, ex presidente della Provincia ed ex capo della segreteria politica di Pier Luigi Bersani - Il Pd e la questione morale: la fotostoria
  • Si è dimesso da vicepresidente dopo essere stato indagato per tangenti in una inchiesta sulla riqualificazione delle aree ex Falck e Marelli e ora fa parte del gruppo misto. Al suo posto è stata eletta come vicepresidente Sara Valmaggi (Pd) - Partito Democratico e dintorni: tutte le foto
  • Dopo Penati, è toccato all'altro vicepresidente: Franco Nicoli Cristiani (Pdl). L'ex assessore all'Ambiente e al Commercio è stato arrestato lo scorso novembre per tangenti - Tangenti, Formigoni: vogliono delegittimarci, noi parte lesa
  • Nicoli Cristiani (nella foto insieme a Formigoni). E' stato scarcerato lo scorso 24 febbraio, nel frattempo si è dimesso non solo da vicepresidente ma anche da consigliere regionale. Nell'ufficio di presidenza ha preso il suo posto Carlo Saffiotti (Pdl) - Tutti gli aggiornamenti
  • L'ultimo in ordine di tempo ad essere arrestato è stato Massimo Ponzoni (Pdl) che si è costituito lo scorso 17 gennaio, rientrato dall'estero, dopo aver saputo che la Procura di Monza aveva emesso un provvedimento di arresto - Mandato d’arresto per l’ex assessore della Lombardia Ponzoni
  • E' accusato di bancarotta nell'ambito dell'inchiesta sul fallimento della società Pellicano. Si è dimesso da segretario del Consiglio, dove lo ha sostituito Doriano Riparbelli - Lombardia, l'ex assessore Ponzoni si è costituito
  • "Ringrazio per le dimissioni - aveva detto Boni commentando la decisione di Ponzoni -, perché in questo modo l'Ufficio di presidenza può ricostituirsi completamente e ricominciare a lavorare a pieno regime" - Indagato Boni, presidente del Consiglio regionale