Da Scilipoti a Carlucci: le acrobazie dei deputati. FOTO

Da quando i parlamentari si sono insediati (aprile 2008) i cambi casacca sono stati 115. Nella scorsa legislatura si erano fermati a 108. Un fenomeno trasversale che coinvolge tutte le formazioni, tranne la Lega Nord. LA FOTOGALLERY
  • Domenico Scilipoti, eletto nell'Italia dei Valori, lascia il partito nel dicembre 2010. Fonda insieme a Bruno Cesario e Massimo Calearo del Pd il movimento dei Responsabili e vota la fiducia al governo Berlusconi Transfughi a quota 115: quando il deputato cambia casacca
  • In un'intervista a Repubblica spiega così il suo addio a Di Pietro: "Il mio partito non mi ha mai dato soddisfazione, mai una lucina che inquadrasse anche il mio volto, una dignità politica per le mie battaglie estreme sull'agopuntura" - "Munnizza!": i deputati dell'Idv insultano Scilipoti
  • Nel dicembre 2008 Antonio Razzi ammette di essere stato "corteggiato":"Si è parlato di pagarmi il muto, di darmi un posto nel Governo, di una rielezione sicura. Ma Non sono una merce, sono una persona". Pochi giorni dopo voterà la fiducia al governo - Idv, anche Cavalli va via. Quando Tonino perde pezzi
  • La scorsa primavera: “Per i miei figli adolescenti Berlusconi è un mito perché dicono: è simpaticissimo, è un politico che loro capiscono, parla una lingua che loro capiscono, racconta le barzellette ed è anche super potente da un punto di vista sessuale" - Carlucci: l'addio di uno dei volti storici del berlusconismo
  • Domenica 6 novembre ha annunciato il suo passaggio all'Udc: "Gli voglio bene – dice in un’intervista al Corriere della Sera – lo stimo moltissimo e continuerò a volergli bene e a stimarlo. Purtroppo le cose sono andate così" - Dal Festivalbar a Montecitorio (e dal Pdl all'Udc)
  • Luca Barbareschi. Il 30 luglio 2010 lascia il Pdl per aderire a Fli. Nel febbraio 2011 abbandona i finiani per entrare nel Gruppo Misto
  • Giulia Cosenza: il 30 luglio 2010 la deputata napoletana abbandona la nave e inizia l'avventura con i fedelissimi del presidente della Camera. Meno di un anno dopo - è il 24 marzo 2011 - decide di tornare a "casa"
  • Tra i finiani pentiti c'è anche Catia Polidori: quando si consuma la scissione nel Pdl decide di iscriversi a Fli. Ma il 14 dicembre 2010 vota la fiducia al Governo. In Aula è rissa - Guarda le immagini
  • Massimo Calearo (nella foto insieme a Marini) eletto nel Pd. In campagna elettorale, sulla vicenda Alitalia, aveva detto: "Berlusconi fa un cattivo servizio non solo al Paese ma all'intera classe imprenditoriale italiana, abituata ad agire con serietà"
  • Il 5 novembre 2009 Massimo Calearo lascia il Pd per aderire al Gruppo Misto. Un anno dopo fonderà il movimento dei Responsabili, a sostegno del Governo