Comunali 2017, i ballottaggi in Campania: ecco tutte le sfide

Vincenzo Ascione (a sinistra), candidato Pd e Ciro Alfieri, sostenuto da Forza Italia si sfideranno per diventare sindaco di Torre Annunziata (foto dai profili Facebook dei due candidati)
3' di lettura

Non sono coinvolti capoluoghi di provincia, ma ci sono comunque sfide in centri importanti come Torre Annunziata, Maddaloni e Mercato San Severino. SPECIALE

Campania chiamata ai ballottaggi per le elezioni amministrative 2017. Le tornate elettorali non interessano i capoluoghi di provincia, ma al ballottaggio andranno comunque grossi centri come Arzano, Bacoli, Melito, Sant'Antimo, Somma Vesuviana e Torre Annunziata per quanto riguarda l'hinterland napoletano; Capaccio Paestum e Mercato San Severino in provincia id Salerno; e Maddaloni nel Casertano.

Le sfide nel Napoletano

A Torre Annunziata si sfideranno il candidato del Partito democratico Vincenzo Ascione - sostenuto anche da Alternativa popolare e Unione dei democratici cristiani (Udc), che ha raggiunto il 49,52% di voti al primo turno - e Ciro Alfieri, che ha raggiunto il 39,10% ed è sostenuto da Centro democratico (Cd), dal Partito socialista italiano (Psi), liste civiche e Forza Italia. A Melito, nella periferia nord di Napoli, si sfideranno invece Antonio Amente  (sostenuto da diverse liste civiche, che ha avuto l'11 giugno scorso il 48,71% delle preferenze) e Piero D'Angelo, con il 29,12%, candidato di Mdp-Articolo 1 (Movimento democratico e progressista – Articolo 1). A Somma Vesuviana si contenderanno la poltrona di primo cittadino Celestino Allocca, sostenuto da Forza Italia e liste civiche, e Salvatore Di Sarno, 26,86%, appoggiato da Udc, Psi, Verdi e liste civiche. A Sant'Antimo, gli sfidanti sono Corrado Chiariello (44,26% al primo turno), candidato del Pd, e Aurelio Russo (32,51%), con Forza Italia.

 

A Bacoli e Arzano sfide interne al centrosinistra

Sfida interna al centrosinistra a Bacoli dove Giovanni Picone, che ha ottenuto il 36,44% delle preferenze ed è sostenuto da Pd, Federazione dei verdi, Campania libera e liste civiche, se la vedrà con Josi Gerardo Della Ragione. La cui candidatura è stata appoggiata da Lista civica FreeBacoli ed è sotto il simbolo di DeMa, il movimento di De Magistris, che ha conseguito il 30,48%. Josi Gerardo Della Ragione, sindaco uscente, era stato sfiduciato nell'estate 2016, dopo un anno di amministrazione. Altra sfida tutta a sinistra ad Arzano tra Fiorella Esposito e Gennaro De Mare. La prima, appoggiata dal movimento di De Magistris, ha ottenuto il 41,69% delle preferenze al primo turno. De Mare, invece, il 35,85% ed è sostenuto da Pd e liste civiche.

Le sfide nelle province di Salerno e Caserta

Nella provincia di Salerno si tornerà al voto in due comuni. A Capaccio Paestum la sfida sarà tra Italo Voza, sostenuto da Pd e civiche, e Francesco Palumbo (liste civiche) con il 48,40%. Mentre a Mercato San Severino la contesa è tra Vincenzo Bennet (liste civiche), che ha superato il primo turno con il 47,95% delle preferenze; e Antonio Somma (civiche), che ha ottenuto, invece, il 29,29%. Nel Casertano, infine, si va al ballottaggio solo a Maddaloni. Il nuovo sindaco uscirà dalla sfida Giuseppe Razzano, Pd e civiche, con il 47,31% al primo turno; e Andrea De Filippo, sostenuto da Forza Italia e civiche, che ha ottenuto il 30,55%.

Leggi tutto