Legittima difesa, Anm: Ddl inutile. Grasso: "Meno male che c'è Senato"

3' di lettura

L'Associazione nazionale dei magistrati boccia il testo approvato alla Camera. Salvini si dice pronto a promuovere un referendum per cancellare la legge in caso di approvazione definitiva. Anche Renzi esprime dubbi

Il disegno di legge sulla legittima difesa (LA SCHEDAapprovato ieri alla Camera continua a suscitare polemiche. Una netta bocciatura del testo arriva anche dall'Associazione nazionale dei magistrati. "E' un intervento che non serviva" e che "è anche un po' confuso", ha detto il presidente dell'Anm, Eugenio Albamonte. Il legislatore, ha aggiunto, "non deve assecondare gli umori" della società e dovrebbe "desistere dal mettere mano a questa normativa". Secondo Albamonte infatti la giurisprudenza dimostra, anche soltanto guardando gli ultimi casi, che c'è un atteggiamento di estremo favore da parte dei giudici verso chi invoca la legittima difesa, non è discrezionale ma già stabilito dalla legge". 

Salvini: "Pronti al referendum"

Fortemente contrario al testo, anche se per ragioni opposte, anche  il segretario della Lega, Matteo Salvini che a Sky TG24 dice: "Se vanno avanti con questa schifezza raccogliamo le firme per un referendum per cancellarla" . Il leader del Carroccio attacca anche il partito democratico, il cui segretario Renzi ha espresso peplessità sul testo. "Come fa il Pd ad approvare una norma il giovedì e venerdì dire il contrario? Ormai il Governo e la maggioranza sono allo sbando, che si torni a votare".

Renzi: "Ho molti dubbi"

Renzi, infatti, nel rispondere nella sua app a un supporter, afferma: "Da parte mia inviterò i senatori a valutare di correggere la legge nella parte in cui risulta meno chiara e logica, visto che io per primo - leggendo il testo - ho avuto e ho molti dubbi".  

Grasso: "Meno male che c'è il Seanto"

Auspica in un intervento correttivo dell’assemblea di Palazzo Madama anche il presidente del Senato Pietro Grasso. "Diciamo meno male che c'è il Senato, se dobbiamo intervenire su questo tema. Staremo a vedere le proposte di ulteriori modifiche". 

Alfano: "Legittima difesa vale h24"

Anche per il ministro degli Esteri Angelino Alfano il testo si può migliorare al Senato. "Per noi la legittima difesa vale h24 - ha detto - se questo nel testo uscito dalla Camera non è chiaro c'è sempre il Senato e si migliora". Il riferimento è alla parte della legge secondo cui l'uso di armi è giustificato in caso di "grave turbamento" se l'attacco viene compiuto di notte. 

 

Giulia Bongiorno: "Questa legge è su un binario morto"

 


 

 

Data ultima modifica 05 maggio 2017 ore 16:16

Leggi tutto