Dai cittadini 12 milioni ai partiti, Pd prima scelta nel 2X1000

1' di lettura

Il 2,38% ha scelto di destinarlo alle forze politiche. I Democratici hanno ricevuto più fondi. Secondo posto per Lega Nord e terzo per Sel

Il 2,38% dei contribuenti sceglie di destinare il proprio 2X1000 ai partiti, erogando nel complesso 11,76 milioni di euro. Fra le forze politiche, come emerge dal prospetto pubblicato dal Mef sulle dichiarazioni fiscali del 2016 relative al 2015, il Pd è quello che riceve maggiori fondi. Secondo posto per la Lega Nord. Della lista non fa parte il M5S che, in quanto movimento e non partito, non può essere scelto.

Sul podio Pd, Lega e Sel - Il Partito democratico è stato scelto dall'1,21% dei contribuenti (oltre il 50% fra quelli che destinano i fondi ai partiti), per un totale di 6,4 milioni di euro. Ha preferito la Lega lo 0,32% dei contribuenti (il 13,31% sul totale delle scelte verso i partiti): il Carroccio ha ricevuto 1,4 milioni di euro. Chiude il podio Sel (0,18% e 7,43% le percentuali di scelta), con 838.155 euro. Seguono Forza Italia (615.761 euro), Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale (569.865 euro) e Rifondazione Comunista - Sinistra Europea (459.970 euro).

Il confronto con l'anno precedente - Nel 2015, con le dichiarazioni relative al 2014, le somme versate ai partiti furono pari a 2,75 milioni di euro (ancora Pd, Lega Nord e Sel a guidare la classifica). Sembrerebbe un notevole balzo in avanti dei contributi ai partiti ma, avverte il Tesoro, “i valori dell'anno finanziario 2014, anno di istituzione del 2X1000, non sono confrontabili con quelli degli anni successivi in quanto per il 2014 la scelta richiedeva una procedura meno diretta e più complessa per i contribuenti”.

Leggi tutto