Nuova tegola sul Campidoglio: bocciato il bilancio del Comune

1' di lettura

L'Organismo di revisione economica e finanziaria stronca il bilancio di previsione: una battuta d'arresto che rischia di far scattare l'esercizio provvisorio. Intanto Marra è stato interrogato dai pm. Raggi: "Non mi ricattava"

Nuova tegola per la Giunta Raggi. Appena uscita dalla crisi per l'arresto di Raffaele Marra con le nomine di vicesindaco e assessore all'Ambiente, ecco arrivare la bocciatura del bilancio di previsione dall'Organismo di revisione economica e finanziaria (Oref) del Campidoglio. Una battuta d'arresto che rischia di far scattare l'esercizio provvisorio, con lo spettro del commissariamento del Comune.

Opposizioni all'attacco - Le opposizioni attaccano e con accenti diversi chiedono le dimissioni della sindaca M5S, dell'assessore al Bilancio Andrea Mazzillo o l'intervento di Beppe Grillo. Ma l'assessore promette di accettare "la sfida del rigore" dell'Oref e presenterà un nuovo bilancio da approvare entro il 28 febbraio. Secondo Mazzillo l'organismo ha valutato "positivamente" il fatto che la manovra sia "ispirata a criteri di prudenza".

I nuovi assessori - La notizia del parere "non favorevole" dei revisori dei conti arriva in Assemblea capitolina in un giorno aperto dalla comunicazione di Raggi sulla sostituzione dell'assessore Paola Muraro con Pinuccia Montanari e del vicesindaco Daniele Frongia con l'altro assessore Luca Bergamo.

Interrogato Marra, Raggi: nessun ricatto - Intanto l'ex direttore del Personale Raffaele Marra è stato interrogato in carcere dai pm che lo accusano di corruzione. Secondo i suoi legali, i pm non gli avrebbero chiesto dei rapporti con la sindaca. E Raggi, all'uscita della messa all'Aracoeli, fa sapere di non temere né le dichiarazioni di Marra né l'esposto dell'ex capo di gabinetto Carla Romana Raineri. "Marra non mi ricattava", ha risposto Raggi ai cronisti. 

Leggi tutto