Raggi: "Non sono commissariata. Se arriva avviso di garanzia valuterò"

1' di lettura

Le parole del sindaco di Roma, assediata dopo l'arresto del suo uomo di fiducia Raffaele Marra. Intanto Massimo Colomban, che sembrava in procinto di sostituire Frongia come vicesindaco, fa sapere di non essere disponibile

"Se mi arriverà un avviso di garanzia? Valuterò". Così Virginia Raggi poco prima di raggiungere il Campidoglio, dove la attende un'altra giornata delicata, alla fine della quale potrebbe arrivare la designazione del nuovo vicesindaco, dopo le dimissioni di Daniele Frongia. "Non sono commissariata e mi sento ancora dentro M5S", ha precisato la sindaca della Capitale.

Colomban: non sarò vicesindaco - Intanto, proprio in vista della designazione del nuovo vicesindaco, arriva il diniego di Massimo Colomban, fino a poche ore fa il candidato designato a sostituire Frongia. "Non ho il tempo e la disponibilità per assumere il ruolo. Come imprenditore e tecnico - spiega - ho infatti assunto il ruolo di assessore alla riorganizzazione delle Partecipate e quindi preferisco completare questo compito, prima di assumere altri impegni gravosi e/o politici".

Di Maio annuncia querele - Sul caso torna anche Luigi Di Maio che annuncia una serie di querele contro i giornali che, secondo lui, gli hanno attribuito un ruolo nel caso Marra che lui non avrebbe avuto. "Mi attribuiscono frasi e condotte - scrive su Facebook - che sono pura invenzione". "Non so se rispondono a logiche vergognose dei loro editori - continua il vicepresidente della camera - Ma altrettanto vergognose sono le frasi inventate e i retroscena inesistenti. Sia chiaro che non ho mai garantito per Marra dicendo che fosse "pulito", è un'invenzione vera e propria". 

 

Data ultima modifica 19 dicembre 2016 ore 12:43

Leggi tutto