Roma, Frongia e Romeo lasciano. Di Battista: "A volte siamo ingenui"

1' di lettura

Beppe Grillo evita lo strappo, ma la sindaca esce commissariata dalla crisi scaturita dall'arresto del fedelissimo capo del personale. Di Maio: "Dissi a Marra che se ne doveva andare". E come vice si fa strada il nome dell'assessore alle partecipate, vicino alla Casaleggio associati

Saranno i consiglieri comunali di Roma del Movimento Cinque Stelle a scegliere e votare il nuovo vicesindaco di Roma che sostituirà Daniele Frongia. E' una delle decisioni emerse dopo il summit di maggioranza che ieri ha sancito il passo indietro di Frongia (che mantiene le deleghe alle politiche giovanili e allo sport) e Salvatore Romeo da capo della segreteria politica.

 

Raggi commissariata - La soluzione, ha fatto sapere Raggi, è arrivata "dopo un confronto con il garante Beppe Grillo" che dunque ha infine frenato sulla decisione di sganciare la Raggi dal Movimento togliendole il simbolo, lasciandola però di fatto commissariata, dopo la crisi aperta dall'arresto di Raffaele Marra.

 

Colomban in pole come vicesindaco - E tra i nomi che circolano nelle ultime ore c'è quello di Massimo Colomban, attualmente assessore alle Partecipate, molto vicino alla Casaleggio Associati. E proprio Davide Casaleggio avrebbe avuto un ruolo importante nell'evitare lo strappo più netto con Raggi.

 

Di Battista: "A volte siamo ingenui" - Intanto sulla crisi romana interviene Alessandro Di BAttista, che rompe il silenzio con un video su Facebook.  "Noi dobbiamo imparare dagli errori, capire che ci sono realtà come Roma che hanno bisogno di un supporto maggiore del M5S e che stiamo provando a fare con la decisione presa ieri, che sposo e condivido" afferma Alessandro Di Battista in un video via Facebook. "La verità è che tutto il M55 aveva chiesto di allontanarlo" ma Virginia Raggi "si è fidata", spiega Di Battista che sottolinea: "a volte siamo ingenui, sì. A volte onestà e ingenuità camminano assieme".

 


 

Di Maio: "Dissi a Marra che se ne doveva andare" - E parla anche Lugi Di Maio che con un post sul blog di Grillo si difende dalle critiche sulla sua linea nei confronti di Marra. "Tutto M5S ha sempre chiesto l'allontanamento di Marra e che non ci sia mai stata sponda da parte di alcuno. Marra se ne doveva andare e, con cortesia, glielo dissi in faccia".

 

Giachetti chiama in causa Grillo - Dura invece l’opposizione in Comune con Giachetti (Pd) che accusa: “Roma si trova nell’abbandono e nel degrado e Grillo e M5S ne sono responsabili”.

Leggi tutto