Referendum, Salvini invita in piazza D'Alema e Grillo

1' di lettura

Il leader della Lega si rivolge ai due esponenti politici in vista della manifestazione per il "No" di sabato a Firenze. Di Maio: "No alle accozzaglie". E Paola Taverna (M5S) denuncia il rischio di brogli

"Tutti coloro che hanno un'idea d'Italia diversa rispetto a quella di Renzi sono invitati, anche D'Alema e Grillo: la nostra piazza è aperta". E' quanto dice il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, parlando della manifestazione di sabato prossimo a Firenze per sostenere il No al referendum (lo speciale) nel corso di un'intervista a Lady Radio.

 

Di Maio: "No alle accozzaglie" - "No alle accozzaglie fra sigle e capi di partito", sì a "un fronte popolare" fra la gente alle urne per votare no al referendum costituzionale è la  secca risposta di Luigi Di Maio (M5S) all'idea di Matteo Salvini d'una manifestazione congiunta del No. "I fronti popolari li fa il popolo italiano", insiste Di Maio: "noi siamo l'unica forza politica che sempre ha detto no a questa riforma e la campagna referendaria la facciamo come M5S".

 

Taverna: "Rischio brogli" - Intanto dai pentastellati arriva anche l'allerta sulla correttezza del voto. "Il rischio brogli esiste, non solo per i voti degli italiani all'estero ma anche per il voto degli italiani in Italia", dice la senatrice M5S, Paola Taverna, che intervenendo a Radio Cusano Campus ha spiegato: "Qualcuno teme brogli sul voto degli italiani all'estero? E perché, su quello degli italiani in Italia? Ricordiamo parentesi non certo fantastiche di momenti in cui davanti ai seggi elettorali c'era la compravendita dei voti. Io proporrei, come si fa con alcuni paesi molto problematici, un controllo quasi quasi internazionale sulla validità delle votazioni..". E poi, ha aggiunto: "Votare online? Non solo sarebbe possibile, ma si renderebbe il voto meno gestibile. Si eliminerebbe il pezzo di carta, la matita che qualcuno sostiene possa essere cancellata, non c'è lo scrutatore, il presidente di seggio... Questo è il medioevo".

Leggi tutto