Rifiuti Roma, Panzironi indagato. Muraro: "Raggi con me, continuo"

1' di lettura

Nuovi indiscrezioni sull'indagine, che si allarga su consulenze affidate all’assessore all’Ambiente dal manager coinvolto in Mafia Capitale. L’assessora intanto querela Renzi, il Pd denuncia Raggi

"Se la sindaca mi ha chiesto un passo indietro? No, ho il suo pieno sostegno". E' quanto dice l'assessore all'Ambiente Paola Muraro, rispondendo a chi le chiede se alle luce delle nuove notizie emerse sul suo conto stia pensando a dimettersi ha risposto: "No, continuo a lavorare per Roma".

Dalle carte, infatti, secondo quanto riferito da diversi quotidiani, emergerebbero nuovi dettagli che interessano l’assessore. L'ex consulente della municipalizzata dei rifiuti avrebbe ottenuto consulenze milionarie oltre che da Giovanni Fiscon -  sotto inchiesta per abuso di ufficio proprio con Muraro -  anche da Franco Panzironi, ex amministratore delegato Ama, imputato nel processo Mafia Capitale. 

 

Consulenze sospette - Sono sette le consulenze annuali sospette affidate dai vertici di Ama a Muraro. I pm, infatti, starebbero indagando su compensi extra versati all’assessore all’Ambiente per incarichi che avrebbero potuto essere svolti da dipendenti Ama. 

 

Querele -  Intanto, è guerra di querele tra il Pd e la giunta M5S di Virginia Raggi. Proprio ieri, Paola Muraro ha denunciato Matteo Renzi per le affermazioni che la collegano a imputati del processo sul presunto clan. Il presidente del Consiglio e segretario dem, irritato per la piega che sta prendendo lo scontro con i pentastellati non risponde direttamente ma lascia parlare il suo Partito che agisce con durezza querelando per diffamazione la sindaca Virginia Raggi: che al presidente del Consiglio aveva detto "non siamo mica il Pd".

Leggi tutto