Renzi: "Svolta Raggi? I rifiuti a Mafia Capitale". Lei: "Non siamo Pd"

1' di lettura

Duro affondo del premier nei confronti dell'assessore Muraro: "I Cinque Stelle hanno doppia morale, voglio vederli all'opera". E sul referendum costituzionale: "In due mesi ci giochiamo 20 anni"

"Pensate che avrebbero detto se Muraro fosse del Pd? In fondo la svolta della Raggi è dare la gestione dei rifiuti a un donna collegata totalmente a Mafia Capitale, a quelli che c'erano prima". Lo ha detto il premier Matteo Renzi parlando ai giovani della scuola di formazione del Pd.

 

Pronta la replica della sindaca: 

 

"Il premier - aggiunge in un post su Facebook rilanciato su Twitter - quando è in difficoltà, ultimamente capita spesso, prova a distogliere l'attenzione e a cambiare argomento. Forse è nervoso perché si avvicina la data del referendum sulle finte riforme. E i confronti in tv lo vedono in grossa difficoltà. Piuttosto si concentri sul disastro economico del governo, sui dati della disoccupazione giovanile, sulla fallimentare politica estera, sull'emergenza migranti. Buon lavoro. Ps: Attendiamo ancora di sapere cosa ha fatto con i fondi delle cene elettorali con Buzzi. Il PD non crederà mica che l'abbiamo dimenticato?".
 

 

"In M5S doppia morale" - "Insomma credo che ci sia nel M5s una doppia morale", ha poi aggiunto Renzi. "Dobbiamo essere capaci di non giocare sulla difensiva e di non attaccare a testa bassa come fanno loro". E a proposito della foto di Virginia Raggi sul tetto del Campidoglio: "Mi suscita simpatia, è una boccata d'aria fresca, non dobbiamo fare polemica su questo, il problema non è quello che la Raggi fa sul tetto, è quello che fa quando scende".

 

"Vogliamo veder assessori M5S all'opera" - Dal premier anche un affondo sull'assessore alle Partecipate: "Sorprendente che sia stata fatta la proposta a Colomban e che lui abbia accettato l'incarico alle Partecipate, uno che aveva detto certe cose sulla spesa pubblica... ora voglio vederli all'opera nel settore delle grandi aziende dato che la pensa in un certo modo; è fantastica una scelta del genere auguri a Colomban e auguri che riesca a portare a casa quello che ha detto".

 

"Referendum? In 2 mesi ci giochiamo 20 anni" - Il presidente del Consiglio è naturlamente intervenuto anche sul referendum costituzionale (LO SPECIALE): "Ci giochiamo nei prossimi due mesi, i prossimi 20 anni. E' una sfida pazzesca, molto più grande del futuro mio e del mio governo. Una scelta decisiva per il futuro dell'Italia nell'Europa. E' la partita chiave dei prossimi 20 anni, non torneà più un'occasione del genere".

 

Leggi tutto