Referendum, attesa per la data della consultazione

1' di lettura

Riunione del Consiglio dei ministri convocata 'ad hoc'. L’orientamento è quello di scegliere il 4 dicembre piuttosto che il 27 novembre. Si punta ad una settimana in più per la campagna elettorale e per i lavori alla Camera sulla legge di bilancio

 

 

La data del referendum sul ddl Boschi sta per essere decisa in Consiglio dei ministri. L’orientamento sarebbe quello di scegliere il 4 dicembre piuttosto che il 27 novembre. LO SPECIALE  - I VIDEO

Si punta quindi ad una settimana in più per la campagna elettorale e per i lavori alla Camera sulla legge di bilancio. Ma un'altra delle valutazioni in corso è che, qualora dovesse prevalere il fronte del no, resterebbe poco tempo per approvare la legge di Stabilità al Senato e quindi si restringerebbero i margini per chi volesse aprire subito una crisi di governo.

 

Delrio: non è referendum sul governo - In ogni caso il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, è ottimista sulla consultazione e lo sta ripetendo in ogni incontro. “Quando giro per il Paese vedo un clima positivo, finalmente si sta entrando nel merito della riforma” ha ribadito anche nello scorso Cdm.

 

Salvini: #iovotono - E mentre il ministro Graziano Delrio continua a sottolineare che “non si tratta di un referendum sul governo"., l’opposizione aspetta l’ora x del Cdm per lanciare un nuovo attacco. “Oggi Renzi deciderà la data. Può scegliere di farci votare anche a Natale o Capodanno, ma pur di mandarlo a casa #iovotono", scrive su Twitter il segretario della Lega Matteo Salvini.

 

“Il referendum - attacca D'Attorre, deputato di Sinistra Italiana dopo essere uscito dal Pd - è un diritto dei cittadini, non di Renzi. Fissarlo a dicembre per ridurre l'affluenza e far recuperare i Si' sarebbe davvero scandaloso". La minoranza dem, invece, non farà polemiche ma fa notare come il tentativo di Renzi di 'spersonalizzare' l'appuntamento referendario sia fallito. 

Leggi tutto