Raggi insiste: "Cambieremo Roma". Parma, archiviazione per Pizzarotti

1' di lettura

La sindaca interrompe il silenzio con un post su Facebook, poi rilanciato anche dal blog di Grillo. La prossima settimana atteso il suo "No" alle OIimpiadi. Intanto esulta il primo cittadino sospeso dal Movimento: "Ora mi toglierò qualche sassolino"

"Il M5S non si ferma davanti alle difficoltà e agli attacchi quotidiani di chi ci teme. Andiamo avanti, con coraggio. Tutti insieme cambieremo Roma e il Paese. Abbiamo già iniziato". Così la sindaca di Roma, Virginia Raggi, torna a far sentire la sua voce, dopo le polemiche e gli attacchi - anche interni - che hanno investito la sua giunta negli ultimi giorni. Raggi utilizza Facebook per parlare ai romani e ai suoi sostenitori, con un post rilanciato anche sul blog di Beppe Grillo, quasi a rinsaldare la fiducia e il rapporto tra il primo cittadino e il leader dei 5 Stelle.

Si attende il No alle Olimpiadi - Nel suo post la Raggi elenca le decisioni prese dal Campidoglio su periferie, mobilità, rifiuti, scuola , traffico e decoro. "Ecco alcuni dei cambiamenti diventati realtà", scrive il primo cittadino mentre intanto è atteso per la prossima settimana, prima della festa nazionale “Italia 5 Stelle”, il suo “No” alla candidatura di Roma alle Olimpiadi del 2024.

Archiviazione per Pizzarotti - Nel giorno in cui Raggi rompe il silenzio, si apprende che il gip del tribunale di Parma Paola Artusi ha disposto l’archiviazione del procedimento a carico di tutti gli indagati, tra cui il sindaco Federico Pizzarotti, coinvolti nella vicenda delle nomine dei vertici del Teatro Regio di Parma. Per tutti l'accusa era abuso di ufficio. "Sono contento, soprattutto per la mia città, il Teatro Regio e i miei concittadini. Ora qualche sassolino dalla scarpa me lo toglierò", ha dichiarato il sindaco.

Fico: sul suo reintegro deciderà Grillo - Tuttavia, quanto al suo reintegro nel Movimento (la sua sospensione infatti era arrivata proprio in seguito alla notizia della sua iscrizione nel registro degli indagati), non tutti nei 5 Stelle sembrano d’accordo. "La procedura è ancora in elaborazione. Deciderà il garante del M5s che sappiamo essere Grillo", ha dichiarato Roberto Fico, che si è detto "contento che per Pizzarotti sia arrivata la archiviazione. Però - ha sottolineato - il punto non era l' avviso di garanzia ma la mancata comunicazione dell'avviso". 

Leggi tutto