Roma, bufera sulla giunta Raggi. Pizzarotti: direttorio si dimetta

1' di lettura

L'assessora Muraro indagata da aprile, la sindaca ne era a conoscenza da luglio. Il sindaco di Parma attacca il vertice pentastellato

Non si fermano le polemiche sulla giunta romana guidata da Virginia Raggi.  Dopo che l'assessora Muraro ha comunicato di essere indagata da aprile, di esserne a conoscenza da luglio e di aver informato in quel mese la prima cittadina, critiche e prese di distanza arrivano anche all'interno del Movimento 5 stelle. 

La sindaca di Roma ha comunicato di aver informato Vignaroli e Taverna, ma non Di Maio. "Io l'ho appreso dalla stampa", afferma Ruocco dal direttorio M5s.

 

Pizzarotti: "Dimissioni direttorio" - Duro anche il sindaco di Parma Federico Pizzarotti, sospeso dal M5S e da mesi ormai in attesa di verdetto. Il primo cittadino emiliano chiede le dimissioni "in blocco" del direttorio grillino: "Nei due anni in cui gestisce il Movimento 5 Stelle sono stati scaricati due sindaci, il sindaco di Gela e di Quarto, un terzo è stato sospeso oltre cento giorni fa senza che esistesse una regola per farlo, e ora vi è il caos a Roma, con un rimpallo di accuse tra chi dice di aver avvisato il Direttorio e chi invece sostiene di non sapere nulla dell'indagine in corso nei confronti dell'assessore Muraro. Tutto questo è stato causato da una grave mancanza di regole chiare a tutti".

 

Legale Muraro va dai pm: "Vuole essere interrogata" - L'assessore Muraro, nel frattempo, attraverso i suoi legali, ha fatto sapere di voler essere interrogata. "Ho incontrato i titolari dell' indagine che vede coinvolta l'assessore Muraro a cui ho ribadito la piena disponibilità ad un interrogatorio per chiarire tutti i punti di questa vicenda", ha detto l'avvocato Salvatore Sciullo lasciando gli uffici di piazzale Clodio dove ha incontrato Alberto Galanti, titolare dell'indagine sui rifiuti in cui la Muraro è accusata della violazione di norme ambientali.

 

De Dominicis replica a critiche su sua nomina - Intanto, in una nota, l'ex Procuratore Regionale del Lazio, Angelo Raffaele de Dominicis, replica alle "recenti critiche sul criterio adottato per designarlo assessore al bilancio di Roma Capitale", definendo "strumentale" e "grottesca" la polemica sul ruolo avuto dall'avvocato Sammarco sulla sua designazione (il legale ne ha suggerito la candidatura). 

Leggi tutto