Roma, Muraro indagata da aprile. Raggi: so da luglio, informai il M5S

1' di lettura

Nel corso dell'audizione in commissione Ecomafie l'assessore all'ambiente annuncia che sapeva dell'apertura di un fascicolo su di lei da quest'estate. Anche la sindaca era informata. Intanto i democratici attaccano la nomina dell'ex magistrato come nuovo assessore al Bilancio

Paola Muraro, l'assessore all'ambiente della giunta Raggi a Roma, sapeva da luglio di essere indagata. E dal 19 luglio ne era a conoscenza anche la sindaca Raggi. A dirlo sono loro stesse nel corso dell'audizione  in commissione Ecomafie. "A fine luglio - ha spiegato Muraro rispondendo a una domanda - ho chiesto alla Procura e ho saputo di un 335" cioè dell'articolo del codice di procedura penale che disciplina l'iscrizione nel registro degli indagati per reati ambientali. Il presidente della commissione Alessndro Bratti, sottolineando che "non esiste segreto investigativo" su questa informazione, ha chiesto alla Muraro se intende avvalersi della presenza del suo legale ma l'assessore ha risposto di no: "No, non intendo avvalermi di un avvocato". Muraro è iscritta nel registro degli indagati dal 21 aprile, ha poi rivelato Bratti che ha inoltrato alla procura di Roma una richiesta formale per sapere se l'assessore risultava indagato.  


Raggi: "Sapevo di indagini su Muraro dal 19 luglio"
- Nel corso dell'audizione anche Virginia Raggi ha comunicato di essere stata informata dell'apertura di un fascicolo" sull'assessore Muraro "nella seconda metà del mese, nel periodo che va dal 19 luglio alla fine del mese". "C'è una contestazione generica - prosegue la sindaca - non c'è alcun avviso di garanzia. Abbiamo fatto una valutazione in una riunione in cui era presente anche il capo di Gabinetto" e si era valutato che si trattava di una "contestazione troppo generica per capire di cosa stiamo parlando. Non appena ci saranno maggiori informazioni prenderemo provvedimenti".

Muraro: "Giornalisti mi hanno solo chiesto di avviso di garanzia" - Riguardo al fatto di non aver comunicato fino ad ora di essere sotot indagine, l'assessore Muraro ha risposto che "i giornalisti mi chiedono se ho ricevuto un avviso di garanzia, non se sono indagata. La differenza è fondamentale. L'avviso di garanzia non c'è".

Chi aveva informato la Raggi - Del fascicolo erano stati informati "alcuni parlamentari del Movimento 5 Stelle". Lo ha detto la sindaca di Roma Virginia Raggi rispondendo in commissione Ecomafie. In particolare, ha spiegato Raggi, del fatto erano stati informati "il deputato Stefano Vignaroli, Paola Taverna, un eurodeputato e un consigliere regionale", un chiaro riferimento al mini-direttorio romano. Alla domanda se fosse stato informato anche Luigi Di Maio Raggi ha risposto "No".

Raggi: "Abbiamo trovato resistenze, ma andiamo avanti" - L'audizione di Paola Muraro arriva in giorni particolarmente turbolenti per la giunta Raggi. Domenica è arrivato la nomina di Raffaelle De Dominicis, ex magistrato contabile, all'assessorato del Bilancio, in sostituzione del dimissionario Minenna. Nei giorni precedenti altre dimissioni hanno coinvolto la giunta, creando un forte spaccatura nel M5S romano. Sulla nomina di De Dominicis il Pd attacca: "E' opportuno che cumuli la sua ricca e legittima pensione, che dovrebbe aggirarsi intorno ai 150-200mila euro, con un nuovo stipendio, quello da componente della Giunta?"'. L'assessore alla cultura Bergamo intanto boccia come 'fesserie' le ipotesi di dimissioni. In risposta a quanto succede Virginia Raggi ha pubblicato un messaggio su Facebook in cui sostiene: "Abbiamo trovato qualche piccola resistenza, ma andiamo avanti"



Raggi: "Ho il sostegno di Grillo"
- In mattinata inoltre sul Corriere della Sera Virginia Raggi aveva difeso Muraro, garantendo di avere l'appoggio del Movimento. "Mi ha garantito che non le è arrivato un avviso di garanzia. Prima di giudicare vogliamo vedere le carte", dice la sindaca nell' intervista al quotidiano milanese. Raggi, inoltre, ammette "qualche errore" ma afferma: "Ho il sostegno di Grillo".

I numeri e le grane del M5S. Lo Skywall

Data ultima modifica 05 settembre 2016 ore 18:45

Leggi tutto
Prossimo articolo