Raid Usa in Libia, Pinotti: disponibili all'utilizzo di basi italiane

1' di lettura

Il ministro della Difesa al Question Time: "Il governo è pronto a considerare positivamente un eventuale utilizzo delle spazi aerei nazionali a supporto dell'operazione"

Il governo italiano è disponibile a mettere a disposizione le proprie basi miliari e lo spazio aereo qualora fosse richiesto nell'ambito dell'azione militare in corso in Libia contro l'Isis da parte dei caccia Usa. Lo ha detto il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, al Question Time.

 

"Il governo è pronto a considerare positivamente un eventuale utilizzo delle basi e degli spazi aerei nazionali a supporto dell'operazione, dovesse tale evenienza essere ritenuta funzionale a una più efficace e rapida conclusione dell'azione in corso", ha detto Pinotti rispondendo a una interrogazione parlamentare.

 

Per questo, ha proseguito il ministro, il governo "mantiene aperta una linea di dialogo assidua sia con la controparte libica, sia con gli alleati americani per verificare lo sviluppo delle operazioni e le eventuali esigenze di supporto indiretto".

 

Le forze militari statunitensi stanno conducendo dal 1 agosto raid aerei in Libia avendo come obiettivo Stato Islamico. Gli attacchi dovrebbero durare un mese e sono stati richiesti dal governo di liberazione nazionale libico. "L'operazione non ha finora interessato l'Italia né logisticamente né per il sorvolo del territorio nazionale", ha concluso il ministro.

 

Le basi americane in Italia:

Leggi tutto