Il nuovo sindaco di Milano Beppe Sala - Fotogramma
1' di lettura

Riconferme per metà degli assessori. Vicesindaco sarà Anna Scavuzzo, consigliera comunale, mentre al Bilancio va il docente universitario Roberto Tasca

Beppe Sala, nuovo sindaco di Milano (LO SPECIALE ELEZIONI), ha presentato ufficialmente la sua giunta segnando una linea di continuità con la precedente amministrazione Pisapia. Metà degli assessori provenienti dalla giunta precedente sono stati riconfermati, anche se a volte in ruoli diversi. Vicesindaco è stata nominata Anna Scavuzzo, new entry, ex consigliera comunale, Democratica e renziana doc che avrà la delega all'Educazione.

La nuova giunta di Milano - Conferme, anche se in alcuni casi con modifiche degli incarichi, per  Pierfrancesco Majorino, che si occuperà di Assistenza e servizi  sociali; Filippo Del Corno alla Cultura; Cristina Tajani, che avrà  l'incarico su Commercio e Moda; Marco Granelli, alla Mobilità e  Ambiente; Pierfrancesco Maran all'Urbanistica; Carmelo Rozza alla  Sicurezza. Tra le new entry Roberto Tasca, docente universitario e  commercialista, sarà assessore al Bilancio; Roberta Cocco, manager di Microsoft, sarà il nuovo assessore alla Trasformazione digitale; Roberta Guaineri, avvocato, a Turismo e sport; Gabriele Rabaiotti, docente di architettura al Politecnico, a Lavori pubblici e casa, Lorenzo Lipparini a partecipazione e Open  data. Infine capo di gabinetto sarà Mario Vanni. Sala terrà le deleghe alle partecipate, promozione internazionale e periferie e ha confermato la collaborazione di Gherardo Colombo ed Emma Bonino come consulenti del Comune.

Sei assessori provenienti dal Pd - Per quanto riguarda la provenienza politica sono sei gli assessori del Pd (Rozza, Granelli, Maran, Del Corno, Scavuzzo, Majorino), anche se Del Corno si è candidato con la lista Sinistra X Milano, pur avendo la tessera del Partito Democratico. Indipendente ma vicino al Pd anche Rabaiotti, architetto presidente uscente del Consiglio di zona 6, mentre Cristina Tajani nel 2011 era entrata nella giunta Pisapia come esponente di Sel ma nelle ultime elezioni ha fatto parte della lista civica di Beppe Sala. I Radicali sfruttano l'apparentamento deciso dopo il primo turno e ottengono la nomina ad assessore del loro capolista Lorenzo Lipparini.

Leggi tutto