I vip non convincono: 31 preferenze per Simona Tagli, 384 per Massaro

1' di lettura

L'ex soubrette e l'ex calciatore erano in corsa per le Comunali a Milano, lei per Fratelli d'Italia e lui per Forza Italia. Il comico Giobbe Covatta, capolista dei Verdi a Roma, si è fermato a 503 voti. Pochi consensi anche per i "parenti di" in corsa. FOTOSPECIALE - MAPPE INTERATTIVE

I vip non convincono gli elettori. Sono tanti, infatti, i nomi noti che hanno preso poche preferenze a queste Comunali (LO SPECIALELE FOTO).

Milano – Ha raccolto solo 31 voti, nonostante la notorietà degli anni Novanta, l’ex soubrette Simona Tagli. Era candidata a Milano tra le fila di Fratelli d’Italia. Poco meglio ha fatto un altro vip schierato da Forza Italia: l’ex calciatore del Milan Daniele Massaro ha raccolto 384 preferenze. Nella stessa lista, il giornalista direttore di “Tempi”, Luigi Amicone, ha ricevuto 1.579 consensi (non pochi, ma comunque lontano dai quasi 12mila della capolista Mariastella Gelmini). Il filosofo Stefano Zecchi, schierato nella lista civica per Parisi, si deve accontentare di 108 voti.
Per quanto riguarda il centrosinistra, è rimasto lontano dai grandi numeri Alberto Veronesi: il figlio dell’oncologo Umberto, schierato nella lista “Beppe Sala sindaco”, è stato scelto da 362 cittadini. Piero Maranghi, figlio del delfino di Enrico Cuccia Vincenzo, ha raccolto 321 preferenze.

Roma – Non sono andati molto meglio i vip candidati nella Capitale. Il comico Giobbe Covatta, capolista dei Verdi, ha raccolto 503 preferenze. Nella stessa lista Daniela Martani, ex concorrente del Grande Fratello, ha fatto 141. Sempre dal Gf arriva Roberta Beta: ha preso 29 voti nella lista “Per Marchini”. È andata meglio a Irene Pivetti, che nella lista “Noi con Salvini” ha ottenuto 1.364 preferenze. Correva nella lista civica per Stefano Fassina Enrico Capuano, cantautore folk-rock di "Tammurriatarock": per lui 124 voti. L’ex campionessa di nuoto Alessia Filippi, schierata nelle liste del centrosinistra con Giachetti, ha avuto 416 consensi.
Tra i candidati di Roma c’erano anche alcuni "parenti di": Giuseppe Cossiga, figlio dell’ex presidente della Repubblica Francesco, ha ottenuto 142 preferenze con "Federazione Popolare per la libertà”; Piera Levi Montalcini, nipote del premio Nobel Rita, capolista della lista a sostegno di Giachetti, ne ha ottenute 1.075; Aldo Maria Biscardi, nipote del conduttore sportivo Aldo, candidato nella lista di Storace per Marchini, ne ha avute 13; Maria Fida Moro, figlia di Aldo, capolista di "Più Roma" a sostegno di Giachetti, è arrivata a 428. La sfida nella famiglia Mussolini, con Alessandra capolista di Forza Italia e la sorellastra Rachele a sostegno della Meloni, è stata vinta dalla prima con 1.492 voti a 657.
 

LE MAPPE DEL VOTO

 

 

Leggi tutto