Renzi: nel Pd esiste questione morale. Calenda allo Sviluppo economico

1' di lettura

Il premier parla anche del muro al Brennero. "Non si farà, solo squallida propaganda"

Il nuovo ministro dello Sviluppo economico è Carlo Calenda. Ad annunciarlo è stato Matteo Renzi. "Ho detto in tutte le sedi che del nome del ministro dello Sviluppo economico dovevo parlare prima col presidente della Repubblica. Ne ho parlato? Sì". Prima di proseguire: "E' l'ex viceministro, gli ho chiesto di tornare da Bruxelles: giurerà in settimana al Quirinale", ha aggiunto a Che tempo che fa. Calenda sarà dunque il successore di Federica Guidi, dimessasi nelle scorse settimane.

"La questione morale nel Pd esiste e chi lo nega nega la realtà", aggiunge poi Renzi, riferendosi alle ultime inchieste che hanno coinvolto i dem. "Bisogna sempre attendere le sentenze, anche perché ci sono stati amministratori che sono stati assolti". Da parte di altri "c'è garantismo a giorni alterni", ma "noi dobbiamo fare di più e meglio".  

 

"Unioni civili, ok entro il 12" - Renzi parla poi del ddl Unioni civili: "Il prossimo sabato questo Paese avrà una legge sui diritti civili. Domani inizia l'iter alla Camera e noi mettiamo la fiducia martedì  o mercoledì e il 12 la legge sarà votata". "E' una cosa bella  - ha chiosato - per tutti e non solo per gli omosessuali".

 

"Brennero? Squallida propaganda, muro non si farà" - Quanto all'emergenza migranti, l'ipotesi di un muro al Brennero è un "tentativo di propaganda strumentale e squallido solo da campagna elettorale, tant'è che cambiano posizione" di volta in volta "in maniera strumentale. Il problema è che in Europa si gioca sulla paura dell'altro e si tirano su muri. Ma il muro al Brennero non si fa perché è contro le regole europee, contro la storia, contro il futuro". 


 

Leggi tutto