Prescrizione, Alfano: "No a testo della Camera, troppi eccessi"

1' di lettura

La Commissione al Senato ha adottato il testo base. Ala: "Va migliorato". Renzi: "Il governo ha fatto regole più dure"

Restano ancora distanti le posizioni della maggioranza sulla prescrizione. La commissione Giustizia del Senato ha adottato come testo base il testo unificato presentato dai relatori Felice Casson e Giuseppe Cucca su riforma del processo penale e prescrizione (lo speciale di Sky TG24: tutti i video). Hanno votato a favore Pd, Ap-Ncd, Psi. Si sono astenuti M5S e Gruppo misto. Fi, Lega, Cor e Idea erano usciti dalla Commissione per protesta. Il verdiniano Ciro Falanga, che aveva preso parte oggi alla riunione di maggioranza sulla prescrizione, non ha votato. Il termine per gli emendamenti è fissato per il 25 maggio alle 18.

 

Alfano: "No a testo Camera, troppi eccessi" - Ma il testo non piace al leader di Ap-Ncd.  "Noi non condividiamo il testo della Camera" sulla prescrizione "perché presenta molti eccessi. Siamo fermi al testo del Consiglio dei ministri, quello l'ho votato io, l'hanno votato tutti. Il testo della Camera non è quello della maggioranza di governo di cui facciamo parte" ha sottolineato  il ministro dell'Interno, Angelino Alfano. E a chi gli ricorda che il senatore del Pd Lumia abbia affermato che a Palazzo Madama si parte dal testo della Camera Alfano risponde: "Sarà stata una soluzione tecnica ma non è il testo della maggioranza, ora spero che non ci sia battaglia e che si torni al testo del Consiglio dei ministri che era una riforma vera, senza eccessi e senza andare dietro a un giustizialismo esasperato". E il testo non piace neanche ad Ala. "Lavoreremo per migliorarlo", dice il senatore verdiniano di Ala Ciro Falanga.

Governo: "Ha fatto regole più dure" - E sul tema della prescrizione interviene anche il premier Renzi. "Il governo ha già fatto regole più dure sulla corruzione, regole più dure per la prescrizione. I provvedimenti sulla giustizia che abbiamo fatto sono numerosissimi, per qualcuno pure troppi. La realtà di questi due anni è molto diversa da quello che sui giornali", ha detto parlando con i cronisti alla Camera. "Le regole fatte sulla corruzione, i reati ambientali, la corruzione, l'antiriciclaggio, sono impressionanti".

 

Leggi tutto