Inchiesta Lodi, Renzi: "Nessun complotto, evitare strumentalizzazioni"

1' di lettura

Il premier commenta l'arresto del sindaco Pd. Oggi l'interrogatorio di garanzia di Uggetti a San Vittore

Si è tenuto nel carcere milanese di San Vittore l'interrogatorio di garanzia di Simone Uggetti, il sindaco pd di Lodi arrestato per turbativa d'asta. "Ho agito per il bene della città, come ho sempre fatto", ha detto Uggetti.

 

E sulla nuova inchiesta che scuote il Partito democratico arriva il commento del premier Renzi: "Se i magistrati hanno ravvisato la necessità di arrestare il sindaco di Lodi hanno fatto bene. Aspettiamo le sentenze, i magistrati devono sentire tutto il rispetto del popolo italiano, devono andare veloci. Se uno ha sbagliato non si guarda in faccia a nessuno, nessun complotto", ha commentato il presidente del Consiglio a Rtl 102.5, invitando però anche a evitare qualunque "strumentalizzazione di battaglia politica".

 

Io mi arrabbio - ha continuato - perchè il mio governo ha aumentato le pene per la corruzione e aumentato la durata della prescrizione sulla corruzione mentre altri hanno votato no. La questione morale c'è dappertutto, c'è qualcuno che ruba, non va bene ma smettiamola di sparare sugli altri. Non c'è destra contro sinistra ma onesti contro ladri".

Leggi tutto