Riforme, l'ultima lettura. Boschi: "Porteranno più investimenti"

1' di lettura

Sulle intercettazioni aggiunge che bisogna trovare equilibrio tra diritto alla riservatezza e necessità investigative. Aula della Camera vuota per il dibattito sul testo

Sesta e ultima lettura oggi in aula alla Camera per la riforma costituzionale.  Da Londra la ministra per le Riforme Maria Elena Boschi sostiene, a Sky Tg24, che la maggiore stabilità portata dalle riforme attirerà maggiori investimenti dall'estero. "Restano sempre tutti stupiti noi siamo il 63esimo governo in 70 anni di storia repubblicana" spiega Boschi. Riguardo alla richiesta delle opposizioni di posticipare il voto delle riforme la ministra spiega che "il calendario dei lavori è già stato fissato, non vedo ragioni per cambiarlo. Anche perché il governo - assicura - ha i numeri".

Boschi: "Su intercettazioni garantire riservatezza" - Sul tema delle intercettazioni Boschi aggiunge poi che l'intenzione del governo non è quella di "ridurre i poteri investigativi della magistratura", ma, spiega "bisogna difendere la riservatezza di alcune informazioni non necessarie per costruire il quadro probatorio o a garantire l'informazione da parte dei mezzi di informazione".




Renzi: "Non mettiamo mano alle intercettazioni" - Da parte sua il presidente del Consiglio Matteo Renzi si dice emozionato e quasi commosso per la fine di questo percorso e su un altro tema che ha tenuto banca in questi giorni assicura: il governo non metterà mano alle intercettazioni. Il premier replica così al neopresidente dell'Associazione nazionale magistrati, Piercamillo Davigo, che a Sky TG24 tende la mano al governo: “Basta scontri”. Da Renzi, poi, anche un invito al buon senso e alla responsabilità.

 

 

Data ultima modifica 11 aprile 2016 ore 12:43

Leggi tutto