Frontiere, Salvini attacca Mattarella, che però parlava di export

1' di lettura

Il presidente della Repubblica a Vinitaly ha detto: "II destino dell'Italia è legato al superamento delle frontiere". Salvini: "Come dire: avanti tutti, in Italia può entrare chiunque. Complice e venduto". Grasso: "Inaccettabili offese"

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, nel discorso di apertura del 50mo Vinitaly a Veronafiere, prendendo spunto dal successo dell'export per il vino, ha affermato che "il destino dell'Italia è legato al superamento delle frontiere e non al loro ripristino" (il video).

 



Gli insulti di Salvini -
Immediato l'attacco Matteo Salvini, segretario del Lega Nord, che su Facebook ha scritto:  "Mattarella al Vinitaly: "Il destino dell'Italia è legato al superamento delle frontiere e non al loro ripristino". Come a dire avanti tutti, in Italia può entrare chiunque... Se lo ha detto da sobrio, un solo commento: complice e venduto".

 

Dura replica di Grasso e Bodlrini - Il preisdente del Senato parla di "offese inacettabili", mentre Boldrini esprime solidarietà al Presidente della Repubblica, che è stato oggetto di un attacco scomposto e rozzo da parte del leader della Lega. La questione delle frontiere, sia per le merci che per gli esseri umani, è una delle questioni centrali del nostro tempo".

 

 

 

 

Leggi tutto