Primarie Milano, Pisapia: deciderò quando ci saranno i candidati

1' di lettura

"Balzani? È un ottimo vicesindaco, adesso decideranno i milanesi i candidati finali con le primarie" afferma il sindaco del capoluogo lombardo, che durante l'Intervista di Maria Latella, non si sbilancia sul suo successore.  Poi aggiunge:  anche se lo statuto del Pd lo prevede, secondo me "è sbagliato" che un segretario del partito sia anche premier

“Deciderò chi sostenere quando ci saranno i candidati”. Parla così a Sky TG24 Giuliano Pisapia, sindaco di Milano, che il 22 marzo scorso ha annunciato che non si ricandiderà a primo cittadino alle elezioni del 2016. Quanto al suo futuro, ai microfoni di Maria Latella, smentisce di aver già trattato col segretario del Pd e presidente del Consiglio, Matteo Renzi. GUARDA IL VIDEO  
 


 

Sala in vantaggio nei sondaggi? Con me hanno sbagliato -  A proposito di Giuseppe Sala, commissario Expo che si è detto disponibile a governare la città di Milano e che ora sarebbe in testa nei sondaggi, Pisapia ricorda le elezioni del 2011: "I sondaggi hanno sbagliato in passato molti calcoli. Nemmeno nel mio caso si pensava che io potessi diventare sindaco di Milano. E poi come si fanno sondaggi se non si conoscono ancora con certezza i candidati?".

 

 

Balzani? Quando ci saranno i candidati deciderò - Quanto al suo presunto sostegno a Francesca Balzani come possibile successore afferma: “E’ una leggenda metropolitana”, ma ammette che "segnerebbe chiaramente una prosecuzione” del progetto nato quasi cinque anni fa. E precisa: “E' un ottimo vicesindaco, vuole profondamente l’unità del centrosinistra e non ha ancora sciolto la riserva. Poi, a domanda precisa ‘lei come vede la Balzani candidata alle primarie’? io rispondo che è un ottimo vicensindaco". GUARDA IL VIDEO

 


 

Primarie il 28 febbraio - A proposito di Pier Francesco Majorino, assessore alle Politiche sociali del Comune, afferma: "Intende candidarsi", ma "fino a quando non ci sono i candidati non mi pronuncio". Ora, infatti, la partita a scacchi delle primarie del centrosinistra a Milano aspetta la mossa decisiva per l'avvio della raccolta firme per le candidature. "Propongo il 28 febbraio come giorno per le primarie - dice - perché i candidati abbiano il tempo di presentare il proprio progetto di città”.  

 

Segretario partito-premier è sbagliato – Pisapia, senza fare nomi, esprime poi un parere molto preciso: anche se lo statuto del Pd lo prevede, “è sbagliato" che un segretario del partito sia anche premier. E spiega: “Se uno fa il presidente del Consiglio non ha la possibilità di seguire i territori. Un segretario di partito deve conoscere perfettamente cosa succede nei territori e dare indicazioni" e questo si è visto a "Napoli e in Liguria". GUARDA IL VIDEO

 


Leggi tutto