Unioni civili, governo diviso. Boschi: senza Ncd faremo accordi con altri

1' di lettura

Il ministro per le Riforme: “Per il Pd è un tema fondamentale. Se facciamo lo sforzo di trovare un accordo sulle riforme con le opposizioni, è giusto che lo stesso sforzo venga fatto su questa legge”. La replica di Alfano: "Anche noi siamo pronti a ogni alleanza in Parlamento e al ricorso al voto segreto, pur di bloccare le adozioni da parte delle coppie gay"

"Se Ncd non sarà d'accordo sulle unioni civili, faremo accordi con altre forze politiche". Lo ha detto il ministro per le Riforme, Maria Elena Boschi, intervenendo a una convention dell'Italia dei Valori. "Obiettivo del Pd - ha spiegato il ministro – è l'approvazione della legge delle unioni civili. Se facciamo lo sforzo di trovare un accordo sulle riforme costituzionali con le opposizioni, è giusto che lo stesso sforzo venga fatto sulle unioni civili. Una fatica che proveremo a fare". A stretto giro è arrivata la replica di Angelino Alfano: "Anche noi - ha detto - siamo pronti a ogni alleanza in Parlamento e al ricorso al voto segreto, pur di bloccare le adozioni da parte delle coppie gay".

Il no alla 'stepchild adoption' - La questione dentro Ncd è delicata. Proprio in questi giorni, varate le riforme, una pattuglia di centristi capitanata da Gaetano Quagliariello ha chiesto ad Alfano di rompere con Renzi, accusandolo di eccessiva subalternità al 'monocolore' di Matteo. Sul no alla 'stepchild adoption', l'adozione del figlio del coniuge nelle coppie gay, il partito per una volta è stato di una compattezza granitica.

Boschi: “Per il Pd tema fondamentale” - Ma Boschi è stata chiara. “Per il Partito democratico - ha detto - il tema delle unioni civili è fondamentale. Se il Nuovo centrodestra non sarà d'accordo sulle unioni civili, faremo accordi con altre forze politiche. Da solo il Pd, lo dicono i numeri, non ce la fa. Per noi è un impegno di civiltà nei confronti dei nostri cittadini, un impegno preso durante la campagna elettorale. Non esistono cittadini di serie A e di serie B, in base alla scelta della persona che decidono di amare per tutta la vita".

Incertezza sui tempi -
Secondo il ministro, "non è detto con certezza che la legge sulle unioni civili sarà rinviata a dopo la legge di stabilità. L'abbiamo incardinata in Parlamento dopo l'ostruzionismo delle opposizioni per mesi e mesi in commissione e non è stato semplice. E' solo il primo passo, se ci sarà spazio da qui a dicembre ne discuteremo".

Data ultima modifica 18 ottobre 2015 ore 11:39

Leggi tutto