Soldi ai partiti, dal Senato arriva il sì. Proteste del M5S

Le proteste in aula del M5S
1' di lettura

Da Palazzo Madama via libera alla legge Boccadutri che sblocca il finanziamento pubblico ai partiti per gli anni 2013 e 2014. Quasi tutti i gruppi votano a favore, tranne i 5 stelle. Sel si astiene

L'aula del Senato ha approvato in via definitiva la pdl Boccadutri che sblocca il finanziamento pubblico ai partiti per gli anni 2013 e 2014. I sì sono stati 148, i no 44 e 17 gli astenuti.

Sel si astiene - Quasi tutti i gruppi hanno votato a favore; Sel si è astenuta, così anche i senatori del 'Misto- L'altra Europa con Tsipras; il senatore Ap Andrea Augello si è astenuto in dissenso dal suo gruppo per quello che ha definito un "pasticcio". L'astensione al Senato vale come voto contrario. Il senatore Maurizio Romani (Misto, ex M5S) ha votato a favore.

Cinque stelle vota contro - M5S ha votato contro mentre il senatore 5 stelle Vito Crimi non ha partecipato al voto con questa motivazione: "Io a questo banchetto dove vi spartite i soldi, non voglio partecipare. Il mio non voto l'ho deciso dopo aver sentito Del Barba (Pd) che è stato un'offesa ai 19 milioni di poveri"; anche Maria Mussini (Misto, ex M5S) ha votato contro.

Data ultima modifica 14 ottobre 2015 ore 20:58

Leggi tutto
Prossimo articolo