Unioni civili subito in Aula, tensione tra Pd e centristi

1' di lettura

Un'inedita maggioranza formata dai democratici con M5S, Sel e Ala fa incardinare il ddl Cirinnà bis al Senato. L'ok definitivo previsto per l'inizio del 2016. Da Ap resta il secco no ad ogni ipotesi di adozione

Le unioni civili, da mercoledì mattina, saranno in Aula. Il Pd, nel giorno del sì alle riforme, riesce ad avere la meglio anche sulla battaglia 'supplementare' al testo Boschi emersa in queste ore a Palazzo Madama incardinando il ddl Cirinnà-bis nell'Aula del Senato prima della sessione di bilancio. Il testo, comunque, viene solo incardinato congelando, di fatto, il suo esame, in attesa della sessione di bilancio e con un ok finale che, a questo punto, potrebbe registrarsi all'inizio del 2016. Un'accelerazione 'light', insomma, quella del Pd, ottenuta con la sponda del M5S e nonostante la trincea issata sin da ieri dagli alleati centristi di governo. Alleati che, alla luce del nuovo calendario, parlano di "forzatura ideologica" e di una scelta "di immagine e non di contenuti".

Su Unioni civili inedita maggioranza Pd - M5S - Alla fine però, il Pd ha la meglio e l'Aula boccia le proposte di rinvio giunte da AP e da FI, confermando il calendario approvato in maggioranza nella conferenza dei capigruppo. Una maggioranza che, sul fronte delle unioni civili, è pressoché inedita essendo formata da Pd, M5S, Ala e Sel. Con il M5S che azzarda addirittura una contro-proposta, avanzando la richiesta di un voto finale sul testo Cirinnà-bis entro giovedì: richiesta che godeva del 'silente' appoggio dell'ala più 'laica' del Pd ma che viene anch'essa bocciata dall'Assemblea.

Pd compatto anche con area cattolica - Il Pd, del resto, per ora ritrova una certa compattezza - testimoniata dal voto unanime, anche dei catto-Dem, con cui l'ufficio di presidenza in mattinata avalla la richiesta di incardinamento del ddl - grazie anche all'indicazione, giunta dal premier Matteo Renzi e dai vertici del gruppo, secondo cui sul nodo delle adozioni si voterà 'secondo coscienza'. Su temi come la stepchild adoption "non si può dire 'o così o pomi": non ci sarà una posizione del governo su alcuni punti che vengono lasciati alla libertà di coscienza", spiega Renzi in mattinata assicurando che, "sul 95%" della legge c'è "l'accordo di tutti" e auspicando, per le prossime settimane, un dibattito "senza toni di furore ideologico ma cercando di trovare un punto di sintesi".

Tensione con gli alleati di Ap - Parole, quelle di Renzi, che di fatto non chiudono neppure all'emendamento presentato dalla corrente catto-Dem - e forte di oltre venti firme - che 'trasforma' la stepchild adoption in 'affido rafforzato'. Una proposta che, per la componente cattolica del Pd, rappresenta "un'evoluzione" e un "buon compromesso" per trovare anche un ampio consenso. Consenso sul quale, da Ap, non arriva tuttavia nessun cenno. Sul "no all'adozione di bambini da parte di coppie omosessuali non possiamo indietreggiare" sottolinea il capogruppo Ap Renato Schifani al quale, in serata, fanno seguito gli interventi al vetriolo in Aula di Gaetano Quagliariello e Maurizio Sacconi. Una spaccatura, quella nella maggioranza di governo, che la scelta del Pd di calendarizzare il ddl Cirinnà-bis non aiuta certo a ricomporre: il dibattito potrebbe entrare nel vivo già a novembre quando la legge di stabilità, dopo il primo sì al Senato, passerà alla Camera, ma difficilmente l'ok finale si avrà entro il 2015.

Leggi tutto