Roma, Marino si dimette: "Ho 20 giorni per ripensarci"

1' di lettura

Passo indietro del primo cittadino, alla fine di un giorno in cui il pressing si era fatto incessante. "Il mio lavoro non sostenuto da chi doveva", dice. E lascia aperto uno spiraglio: "Posso ripensarci, voglio una verifica seria". In precedenza avevano lasciato anche 3 assessori. CRONACA DELLA GIORNATA - VIDEO

Sono arrivate nella serata di giovedì 8 ottobre le dimissioni del sindaco di Roma, Ignazio Marino. Dimissioni rassegnate al termine di una giornata in cui da più parti erano arrivate pressioni al primo cittadino per convincerlo a fare il passo indietro (CRONACA DELLA GIORNATA - VIDEO). “Il mio lavoro non è stato sostenuto da chi doveva”, dice. Prima di lui, avevano lasciato già tre assessori: il responsabile del Bilancio Marco Causi (anche vicensindaco), quello dei Trasporti Stefano Esposito, considerato vicino alla segreteria Pd di Matteo Renzi, e l'assessore al Turismo Luigina Di Liegro.

"Venti giorni per ritirare dimissioni" - Ma Marino non chiude tutte le porte al Campidoglio. “Presento le mie dimissioni. Sapendo che queste possono per legge essere ritirate entro venti giorni”, dice il sindaco. Aggiungendo: “Non è un'astuzia la mia. È la ricerca di una verifica seria, se è ancora possibile ricostruire queste condizioni politiche”. Il primo cittadino dimissionario ha scritto un messaggio ai suoi concittadini. “Care romane e cari romani, ho molto riflettuto prima di assumere la mia decisione. L'ho fatto avendo come unica stella polare l'interesse della Capitale d'Italia, della mia città”, si legge. E sulle motivazioni del passo indietro: “Nessuno pensi o dica che lo faccio come segnale di debolezza o addirittura di ammissione di colpa per questa squallida e manipolata polemica sulle spese di rappresentanza e i relativi scontrini”. Marino ha poi pubblicato su Facebook un video in cui spiega le sue dimissioni.

 

Mi dimetto. Dal lavoro fatto in questi anni passa il futuro di Roma. Una città che abbiamo liberato dal malaffare e dalla corruzione.

Posted by Ignazio Marino on Giovedì 8 ottobre 2015


Le reazioni - Dopo le dimissioni di Marino sono arrivate le reazioni di ogni parte politica. Tra i primi a commentare il passo indietro, il Movimento 5 Stelle. “Queste dimissioni rappresentano il fallimento di Renzi e del Pd. Siamo pronti a governare! Metteteci alla prova!”, è il messaggio su Facebook. Il Partito Democratico, invece, ha affidato il proprio commento a una nota: “Esprimiamo apprezzamento per il gesto di responsabilità” di Marino, “è una scelta giusta che dimostra la sua volontà di mettere al primo posto l'interesse della città”.

LA CRONACA DELLA GIORNATA

 

Leggi tutto