Renzi: "Un'Italia ci prova e una si lamenta, io ci provo"

1' di lettura

Il premier, ancora in visita in Giappone, ha replicato sulla polemica relativa al Mezzogiorno: "Tanti problemi ma tanto che funziona. Mi pagano per provarci". Il primo ministro ha anche annunciato che il governo è pronto a indicare i nomi per il rinnovo dei vertici Rai. E sulla minoranza Pd ha aggiunto: "Non bloccheranno le riforme, mai così tante"

"Ci sono due Italia: una che ci prova e una che si lamenta solo. Certo c'è tanto da cambiare al sud come al nord, ci sono tanti problemi ma c'è tanto che funziona. E a me pagano per provarci". Il premier Matteo Renzi, in visita in Giappone, ha replicato nuovamente alle polemiche sul Mezzogiorno (IL BOTTA E RISPOSTA CON SAVIANO). "Il sud è l'accordo su Carinaro - elenca Renzi - Pompei, Reggio Calabria dove abbiamo convinto Hitachi a tenere aperto lo stabilimento, l'Ilva con il decreto per ripartire".

 

Il rinnovo della Rai - Il primo ministro ha anche annunciato che il governo è pronto a indicare "i nomi di dg e presidente della Rai. Saranno professionisti di livello, competenza e indipendenza come è giusto che sia". Poi ha aggiunto: "Non c'erano alternative temporali al rinnovo, la prorogatio si spiega male per un'azienda da 3 miliardi. La forzatura sarebbe stata non rinnovare il cda. Ora il gioco è in mano al Parlamento con la Vigilanza".

 

 

La minoranza Pd - Parlando con i giornalisti nel viaggio in treno tra Tokyo e Kyoto, Renzi è tornato anche sugli attriti con la minoranza Pd: "Le polemiche quotidiane della minoranza, che è una parte della minoranza di un anno fa e che nonostante i numeri non ha impedito di approvare le riforme, lasciano il tempo che trovano. Il parlamento sta lavorando come mai dal '48. Basta vedere dove stavamo un anno fa, con l'economia in discesa, e dove siamo ora". Le riforme, ha detto il premier, "ci sono costate scioperi e polemiche continue, i dati del consenso non sono più alti come l'anno scorso ma noi abbiamo l'imperativo di cambiare l'Italia. Vedrete dove saremo tra un anno".
 

Leggi tutto