Renzi: "A Pompei uno scandalo, fa male come sciopero Alitalia"

1' di lettura

Il premier all’attacco dopo la giornata di disagi per turisti e passeggeri in seguito alle agitazioni dei lavoratori: "Nessuno mette in discussione i diritti ma c’è bisogno di buon senso. Se continua così dovremo difendere i sindacati da se stessi". Barbagallo (Uil): "E' una delle poche volte in cui sono d'accordo con Renzi"

"L'assemblea di ieri a Pompei (foto), in quelle modalità, in quelle forme, è semplicemente scandalosa", una cosa che "fa male" come lo sciopero di Alitalia (foto). Così il premier Matteo Renzi, nella enews pubblicata sul suo sito, dopo la giornata di "passione" per i turisti e per i passeggeri alle prese con le proteste dei lavoratori. "Vedere che dopo tutto il lavoro fatto per salvare il sito e quindi i posti di lavoro a Pompei un'assemblea sindacale blocca all'improvviso migliaia di turisti sotto il sole o vedere che dopo le nottate insonni per coinvolgere Etihad e evitare il fallimento di Alitalia, gli scioperi dei lavoratori di quell'azienda rovinano le vacanze a migliaia di nostri concittadini, fa male", scrive Renzi.


In questo lungo e caldo mese siamo stati impegnati su più fronti. Le due parole d'ordine sono sempre le stesse: riforme...

Posted by Matteo Renzi on Sabato 25 luglio 2015


"Così dovremo difendere i sindacati da se stessi" - "Intendiamoci - prosegue Renzi - per evitare le polemiche di domani: nessuno mette in discussione il diritto all'assemblea sindacale o allo sciopero. Sono diritti sacrosanti. Ma c'è anche bisogno di buon senso e di ragionevolezza, di responsabilità e di rispetto. In un momento come questo tenere migliaia di turisti venuti da tutto il mondo, sotto il sole per un'assemblea sindacale a sorpresa significa volere il male di Pompei. Significa fare il male di Pompei. Io non ce l'ho con i sindacati. Ma se continua così dovremo difendere i sindacati da se stessi. L'assemblea di ieri a Pompei, in quelle modalità, in quelle forme, è semplicemente scandalosa. Continueremo a lavorare per Pompei, nonostante loro" conclude il premier. 

Barbagallo (Uil): "D'accordo con Renzi" - "E' una delle poche volte in cui sono d'accordo con Renzi", commenta il leader della Uil Carmelo Barbagallo, sottolineando di essersi già scusato, in passato, con turisti e cittadini per i disagi creati da manifestazioni sindacali. "In molte situazioni - aggiunge però Barbagallo - le scuse dovrebbero arrivare anche da dirigenti e politici" che non sanno risolvere i problemi dei lavoratori.

Leggi tutto