Maroni: chiudere le moschee per combattere il terrorismo

1' di lettura

"Se serve, seguiamo l'esempio della Tunisia" dice il governatore della Lombardia, che ricorda come dopo le stragi del 26 giugno siano stati chiusi 80 luoghi di culto. E aggiunge: "Spero che l'Interno non si faccia prendere da ideologismi"

Il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, dopo gli attentati terroristici della settimana scorsa in Tunisia, Francia e Kuwait (TUTTI I VIDEO), non esclude che si possano chiudere le moschee, anche in Italia, per la sicurezza dei cittadini.

Maroni: se serve, chiudere le moschee - "Lo ha fatto la Tunisia - ha detto Maroni - che non è certamente uno Stato contro l'islam". Questa, dunque, aggiunge l'ex ministro dell'Interno a margine all'udienza della Corte dei Conti per la parificazione del bilancio della Regione Lombardia, "è una strada da seguire e spero che il ministero dell'Interno non si faccia prendere da ideologismi e se serve si chiudano anche le moschee, per la sicurezza dei cittadini".

Seguire l'esempio della Tunisia - Sulla stessa linea del governatore anche Simona Bordonali, assessore alla sicurezza e all'immigrazione della giunta regionale lombarda: "Mi auguro che non si debba assistere anche in Italia a un attentato  terroristico, prima di capire che è necessario combattere l'estremismo islamico" afferma Bordonali. Interviene anche l'assessore al Territorio della regione Lombardia, Viviana Beccalossi (FdI), secondo la quale "se addirittura in Tunisia si arriva a chiudere 80 moschee, vuol dire che effettivamente c'è il rischio di commistione tra culto religioso e attività parallele".

Leggi tutto