Regionali, De Luca denuncia Rosy Bindi

1' di lettura

Dopo esser stato inserito nella lista degli impresentabili, il governatore della Campania ha sporto querela contro la presidente dell'Antimafia per diffamazione e abuso d'ufficio. Lei risponde: "Atto privo di fondamento"

Vincenzo De Luca, vincitore delle Regionali in Campania, inserito tra gli 'impresentabili' dalla Commissione Antimafia, ha presentato a Salerno denuncia-querela nei confronti della presidente della commissione Rosy Bindi. A annunciarlo, su Twitter, lo stesso neogovernatore. Nella querela si chiede alla Procura di Roma di procedere nei confronti della presidente dell'Antimafia per diffamazione, attentato ai diritti politici costituzionali, abuso d'ufficio.

Bindi: "Denuncia strumentale e priva di fondamento" - A stretto giro la risposta della stessa Bindi che in una nota afferma come "quella di De Luca è una denuncia priva di ogni fondamento, un atto puramente strumentale, che ha scopi diversi da quelli che persegue la giustizia e che pertanto non mi crea alcuna preoccupazione

Bindi: "Pretendo le scuse del mio partito"
- Rosy Bindi, da parte sua, già ieri sera aveva invece affermato di pretendere le scuse del suo partito per le accuse che le sono state rivolte. "Ritengo - ha detto - di avere diritto a un risarcimento, perché sono molti anni che servo questo Paese, e le mie battaglie le ho sempre fatte a viso aperto. Chiedo le scuse da parte del mio partito: non si può arrivare a diffamare così una persona che sta svolgendo il proprio ruolo istituzionale".

Leggi tutto