Antimafia, la lista degli impresentabili slitta a venerdì

1' di lettura

Atteso per oggi, l’elenco dei cosiddetti impresentabili alle prossime elezioni regionali verrà diffuso alla fine della settimana. Escono però intanto i primi nomi: sono quattro candidati in Puglia

Quattro candidati impresentabili in Puglia e nessuno in Liguria: questo il primo verdetto prodotto dal lavoro della Commissione parlamentare Antimafia sulle candidature per le regionali del 31 maggio (LO SPECIALE), che tornerà a riunirsi venerdì per rendere noti i nomi degli altri "impresentabili", cioè dei candidati che secondo il codice etico non avrebbero dovuto essere inseriti nelle liste.
Dal primo screening sui dati arrivati dalle prefetture, non ve ne sarebbero in Veneto, Marche, Toscana, Umbria, mentre ve ne sarebbero in Campania (si parla complessivamente di 12-13 nomi) ma ritardi nell'arrivo delle liste (alcuni parlamentari hanno parlato di "sciatteria" da parte di organi periferici del Governo) hanno reso impossibile alla Commissione Antimafia completare il lavoro. La nota ufficiale della Commissione Antimafia - oggi l'ufficio di presidenza è stato riunito per quasi tre ore - parla di lavoro completato in Puglia e Liguria e di dati ancora parziali che riguardano la Campania e le altre regioni.
"C'è stata una fuga di notizie su un sito on line - ha spiegato ai cronisti il capogruppo del Movimento 5 Stelle, Francesco D'Uva - che ha indispettito non poco l'ufficio di presidenza”.

Escono i primi 4 nomi: sono della Puglia - E i primi nomi escono. E' il sito di Corriere.it a pubblicarli per primo. Si tratta di quattro candidati in Puglia: Giovanni Copertino (Forza Italia, circoscrizione Bari); Fabio Ladisa (Popolari per Emiliano, circoscrizione Bari); Massimiliano Oggiano (Oltre con Fitto, Schittulli presidente, circoscrizione Brindisi) e Enzo Palmisano (Movimento politico per Schittulli, area popolare, circoscrizione Brindisi).

Emiliano chiede ritiro candidatura Ladisa - Primi nomi e prime reazioni. "Preso atto della comunicazione ufficiale della Commissione nazionale Antimafia il candidato presidente del centrosinistra pugliese Michele Emiliano ha chiesto al coordinatore della lista UDC, Realtà Italia, Centro Democratico di ritirare il candidato Fabio Ladisa dalla competizione elettorale". Lo rende noto un comunicato.

Schittulli: "Fuga di notizie lesive della dignità" - Parla di fugha di notizie "non corrispondenti alla realtà e lesive della dignità" Francesco Schittulli, candidato alla presidenza della Regione Puglia per la corrente di Fitto, in merito ai nomi usciti sulle liste degli 'impresentabili', due dei quali sarebbero in liste a suo sostegno. Schittulli precisa quindi che  "Massimiliano Oggiano, candidato a Brindisi, è stato assolto in primo grado dai reati ai quali fa riferimento la Commissione Antimafia; Enzo Palmisano, sempre candidato a Brindisi, è stato assolto, per i reati che attengono alla Commissione Antimafia, perché il fatto non  sussiste, per un altro reato (falso ideologico) non attinente alla suddetta Commissione, benché prescritto, ha comunque fatto ricorso in Cassazione". "E allora la domanda che mi pongo e rimando a una riflessione comune: di fronte a un'assoluzione piena da parte di un Tribunale, per la Commissione Antimafia si è candidati 'impresentabili' perché l'accusa fa opposizione alla sentenza? E la presunzione di innocenza sancita dalla nostra Costituzione che fine ha fatto?", conclude Schittulli.

Renzi e Salvini: “Nessuno dei nostri” - Sul tema degli impresentabili è intervenuto anche il premier e segretario del Pd Matteo Renzi che assicura: “Di impresentabili nel Partito democratico non ce ne sono. Le persone che il Pd ha presentato nelle proprie liste saranno poi verificate dai cittadini e saranno loro a scegliere". Così il segretario della Lega Matteo Salvini: “Candidati impresentabili perché vicini alla malavita? Sono orgoglioso delle mie liste. Delle donne e degli uomini della Lega. Se altri hanno candidato gente strana ne risponderanno. Io rispondo delle mie liste. Spero che i nostri alleati abbiamo fatto la stessa pulizia”.

Leggi tutto