Genova, Berlusconi inciampa sul palco: colpa della sinistra

1' di lettura

Il leader di FI, nel capoluogo ligure per una manifestazione a sostegno del candidato alle Regionali Toti, cade e poi scherza dando la responsabilità agli avversari politici. Prima l'attacco a Renzi: "Si impone con autorità e violenza mai viste". VIDEO

Piccolo fuori programma per Silvio Berlusconi, a Genova per partecipare ad un comizio elettorale per sostenere la candidatura a presidente della Regione Liguria di Giovanni Toti (lo speciale). Proprio al termine dell'intervento, infatti, mentre scendeva dal palco è inciampato e caduto a terra.

Berlusconi: "Colpa della sinistra" - Nulla di grave per il leader di Forza Italia, che avrebbe solo perso l'equilibrio dopo essere sceso da una piccola pedana con rotelle posta dietro al leggio dal quale si è rivolto alla platea. Dopo un attimo di incertezza, infatti, l'ex premier è tornato in piedi e ha scherzato con i sostenitori: "Questa è la sinistra".

L'attacco a Renzi - Durante il suo intervento, Berlusconi ha invece puntato il dito contro il presidente del Consiglio e contro la magistratura. Dopo aver vinto le primarie, ha detto il leader dei fi, Matteo Renzi "si è catapultato a Palazzo Chigi e oggi impone la sua volontà e i suoi provvedimenti con una autorità e una violenza mai viste nella storia del Parlamento italiano".

Berlusconi: 4 colpi di Stato in 20 anni
- "Abbiamo subito quattro colpi di stato in 20 anni - ha aggiunto Berlusconi - e oggi siamo al terzo governo non eletto dal popolo, con a capo c'è un signore che non è stato votato nemmeno per sedere in Parlamento".

"La magistratura si è fatta contropotere"
-  Ha poi attaccato la magistratura che, afferma, "da ordine dello Stato si è fatta potere, anzi un 'contro potere' che sottomette gli altri due poteri dello Stato". Rilancia poi la necessità di una "riforma profonda della giustizia" e parla della proposta di creare un partito Repubblicano; un'unica grande forza dei moderati, che riesca a mettere insieme tutti coloro che non si riconoscono nella sinistra. "Dobbiamo imparare a votare, diamo vita al partito repubblicano", ha aggiunto.

Leggi tutto