Expo, Delrio: "Sfida importante che abbiamo raddrizzato"

1' di lettura

Primo giorno di lavoro per il nuovo ministro delle Infrastrutture, che ha raggiunto la sede del dicastero in bicicletta. Sull'appuntamento milanese: "Con lavoro serio metteremo in fila tutte le cose". Tra le priorità anche la ricostruzione de L'Aquila

Primo giorno di lavoro per il nuovo ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio, che ha giurato giovedì sera e il giorno dopo ha raggiunto la sede del dicastero con la sua bicicletta. "Noi dobbiamo lavorare perché tutto sia trasparente" ha dichiarato ai giornalisti, prima di entrare nel ministero.



Delrio: "Lavori iniziati vanno portati a termine" - Rispetto alla mole di lavoro che lo attende, Delrio ha spiegato che "con un lavoro paziente ma serio metteremo in fila tutte le cose come quando si fa un lavoro in casa". "Dobbiamo fare le cose cominciate e portarle a termine. Nessuno fa riparare la cucina e la lascia a metà. La porta a termine, la cura con attenzione, guarda come sono eseguiti i lavori, li controlla e fa in modo che i preventivi corrispondano alla spesa finale. Io farò così come ho fatto da sindaco".

Expo e ricostruzione de L'Aquila
-  Sul tavolo la prima urgenza è l'Expo, che inaugurerà a Milano tra meno di un mese. Sull'esposizione universale, ha spiegato Delrio, "abbiamo fatto il punto anche stamattina con il presidente del Consiglio". "Expo è una grande sfida e siamo riusciti a raddrizzarla abbastanza, era in un momento di grande difficoltà" ha poi aggiunto. Tra le priorità anche la ricostruzione de L'Aquila (LO SPECIALE). "L'Aquila ha molte risorse che abbiamo stanziano. Ce la farà. Sarà ricostruita molto bene" ha spiegato.

Struttura di missione resterà al ministero - Uscendo dal ministero Derlio ha poi annunciato che la struttura tecnica di missione resterà alle Infrastrutture. "Con il presidente del Consiglio abbiamo già deciso di lasciarla qua - ha detto il ministro - ne dovremo ripensare le funzioni, focalizzarla per evitare duplicazioni e sovrapposizioni con altri compiti come quello del Consiglio superiore dei lavori pubblici". Alla domanda, invece, se sia già stato individuato un nome per guidarla, il neoministro risponde: "Stiamo ragionando insieme al premier, stiamo valutando alcuni curricula". Tornando a parlare dei Lavori pubblici, Delrio aggiunge: "Cerchiamo di fare in modo di far ripartire un pezzo della crescita da qui, dai lavori che vengono fatti, completati e accelerati".

Mercoledì incontro con Cantone
- Delrio inoltre avrà mercoledì un incontro con il presidente dell'autorità anticorruzione, Raffaele Cantone. "Ci vedremo per fare il punto su tutte le grandi opere e rafforzare tutti i meccanismi anticorruzione" spiega Delrio. L'obietitvo è portare avanti "un lavoro di costante e assiduo collegamento per la vigilanza su tutti i lavori pubblici, anche su valutazioni comuni sulle procedure", aggiunge Delrio.

Leggi tutto