Graziano Delrio è il nuovo ministro delle Infrastrutture

1' di lettura

L'ex Sottosegretario alla presidenza del Consiglio ha giurato al Quirinale. Il rimpasto di governo arriva dopo le dimissioni di Maurizio Lupi, che su Twitter dice: "Ottima scelta, sono sicuro che farà un buon lavoro"

Graziano Delrio è il nuovo ministro delle Infrastrutture. L'ormai ex Sottosegretario alla presidenza del Consiglio ha prestato giuramento nelle mani del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. La notizia della possibile assegnazione del dicastero a Delrio circolava già da giorni. Il suo nome, infatti, è stato tra i primi ad essere indicato dopo le dimissioni del ministro Maurizio Lupi, coinvolto - ma non indagato - nel caso di presunti appalti truccati sul quale indaga la Procura di Firenze.
Matteo Renzi, come riporta una nota del Quirianle, "cessa pertanto, dalla carica assunta ad interim di Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti".

Delrio, non ci sono infrastrutture grandi o piccole ma utili - "Le infrastrutture non sono né grandi né piccole" ma devono "essere utili alla società" aveva detto in giornata presentando all'Istituto di credito sportivo il progetto per dotare di nuove palestre 729 scuole.


A sostegno di Delrio per il nuovo incarico arriva anche l'incoraggiamento di Lupi.
Chi è Graziano Delrio - Sposato e papà di nove figli, è in politica dalla fine degli anni Novanta. Laureato in medicina, si specializza in endocrinologia e perfeziona i suoi studi fra la Gran Bretagna ed Israele. Docente e ricercatore all'Università di Modena e Reggio Emilia, è autore di una produzione scientifica di rilievo che lo porta a tenere seminari negli Stati Uniti ed in Europa. Ex promessa del calcio - centrocampista visionato anche da squadre di serie A - nel 2000 viene eletto consigliere della Regione Emilia Romagna, dove presiede la Commissione Sanità e Politiche sociali. Nel 2004 diventa sindaco di Reggio Emilia e nel 2009 è confermato per il secondo mandato. Vicepresidente dell'Anci, l'Associazione nazionale dei Comuni, con la delega al Welfare e alla Finanza locale, nell'ottobre 2011 l'assemblea nazionale dei sindaci lo elegge presidente.
Lascia gli incarichi di primo cittadino e all'Anci nel giugno 2013 in seguito agli impegni nel governo nazionale. Nel governo del presidente del Consiglio Enrico Letta, il 28 aprile 2013, viene nominato ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, ricevendo in seguito la delega allo Sport. Il 22 febbraio 2014 il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, lo sceglie come sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, segretario del Consiglio dei ministri; per lui la delega alle Politiche di Coesione Territoriale e allo Sport. Ora il nuovo incarico di ministro delle Infrastrutture e trasporti.

Il momento della firma

Firma #cosedilavoro #delrio

Una foto pubblicata da Nomfup (@nomfup) in data: 2 Apr 2015 alle ore 11:56 PDT

Leggi tutto