Lupi, oggi le dimissioni. Renzi: "Scelta saggia"

1' di lettura

Il ministro delle Infrastrutture lascerà dopo l’informativa sull’inchiesta sulle grandi opere in corso alla Camera. "La mia decisione rafforzerà l'azione del governo". Grillo: "Seguite l'eclissi di Lupi". Il premier potrebbe tenere per sé l'interim

Maurizio Lupi si dimetterà oggi da ministro delle Infrastrutture, dopo l’informativa sull’inchiesta sulle grandi opere in corso nell’Aula della Camera. L'annuncio è arrivato giovedì sera dal salotto di Porta a Porta, dopo un incontro con Renzi a Palazzo Chigi. "La mia decisione rafforzerà l'azione del governo" ha detto il ministro che ha spiegato di voler "salvaguardare" la sua famiglia, finita nelle carte dell’inchiesta (anche se il ministro non è indagato) per un lavoro procurato al figlio Luca.
Lupi rimarrà esponente di spicco di Ncd, diventando forse capogruppo a Montecitorio.
"La scelta di Maurizio è una scelta saggia, per sé, per Ncd, per il governo" il commento del premier Renzi.

Renzi potrebbe tenere per sé interim - A questo punto Renzi dovrà decidere se tenere per sé l'interim alle Infrastrutture, almeno fino all'avvio dell'Expo, o nominare un nuovo ministro. Così come è prevedibile un mini-rimpasto di governo per garantire gli equilibri con Ncd: per questo Gaetano Quagliariello è dato, dai rumors, al ministero degli Affari Regionali, lasciato libero dopo l'addio di Maria Carmela Lanzetta.

Lega fuori dall'Aula durante l'informativa
- Intanto la Lega Nord annuncia che non parteciperà oggi all'informativa del ministro Lupi alla Camera. "E' inaccettabile - dichiara Massimiliano Fedriga, capogruppo della Lega Nord a Montecitorio - che abbia scelto una trasmissione televisiva  e non l'Aula parlamentare per annuncio delle sue dimissioni".

Grillo: "L'eclissi di Lupi"
- In vista delle dimissioni, il leader del M5S Beppe Grillo ironizza su Twitter: arriva "l'#eclissidiLupi, l'onestà tornerà di moda".


Leggi tutto