Corruzione, settimana decisiva in Parlamento per il ddl

1' di lettura

Sono passati due anni da quando Pietro Grasso ha presentato il testo. Dopo la campagna di Sky TG24, il presidente del Senato è intervenuto: “Basta compromessi al ribasso”. Cantone sulla prescrizione: “La riforma dei tempi è una priorità”

Sette giorni dopo due anni di attesa. Due anni da quando il presidente del Senato Pietro Grasso ha presentato il ddl anti-corruzione. La commissione dovrebbe spingere sul testo già da questa mattina ma nessuno azzarda previsioni su quando il provvedimento possa arrivare in Aula.

Grasso: “Settimana decisiva” -
L'accelerazione è arrivata dopo le parole di Pietro Grasso a commento della denuncia di Sky TG24: “Settimana decisiva – ha scritto su Facebook – non è più il tempo dei compromessi al ribasso”. Sul tema, su Sky TG24, è intervenuto anche il ministro dell'Agricoltura Maurizio Martina. Anche lui ha definito “decisivi” i prossimi giorni.

Prescrizione, Cantone: riforma dei tempi è una priorità –
Intanto per il presidente dell'Autorità Anti-corruzione, Raffaele Cantone, la riforma dei tempi della prescrizione "è una priorità, perché si deve partire da un punto: non si tratta di allungare i tempi della prescrizione, qui si tratta di ritornare a quello che era il regime ante 2005, quando c'è stata una riforma sbagliatissima che ha sostanzialmente dimezzato i termini della prescrizione dei reati di corruzione". In Parlamento, sottolinea, "ora ci sono alcuni progetti di legge che allungano i termini, soprattutto in questo momento per i reati in prescrizione ed è opportuno". "Certo sarebbe meglio un ripensamento dell'intera normativa della prescrizione, ma è una priorità a cominciare dai reati corruttivi", aggiunge.

Leggi tutto